Redmi Note 7, analisi dopo un mese di utilizzo: offrire di più a meno diventa molto complicato

Offrire funzionalità migliori a un prezzo inferiore è molto complicato e il Redmi Note 7 è uno dei migliori telefoni di qualità / prezzo del momento, offrendo design, fluidità e alcune funzionalità (come la fotocamera da 48 megapixel o la modalità notturna) per meno di 200 euro. È molto difficile combattere contro questo.

Un telefono che ha già superato la nostra tabella d'esame per la sua analisi iniziale, lasciando buoni sentimenti e che ora, dopo un mese di utilizzo, ti diremo cosa abbiamo pensato di aver trascorso più tempo con esso e testeremo a fondo questa prima versione solista del Famiglia Xiaomi Redmi.

Redmi Note 7, mese di utilizzo del video

Può sembrare "premium" senza essere

Uno dei dettagli che attira maggiormente l'attenzione in questo telefono è il design. Senza dubbio, qualcosa che mi ha sorpreso non appena ho iniziato a utilizzare il Redmi Note 7 è stato il modo in cui un telefono di questa gamma ha offerto ottime finiture.

Siamo di fronte a un corpo in vetro rifinito in una sfumatura dal magenta al blu (nel caso della nostra unità di test). Una finitura che ha reso Huawei alla moda con il suo Huawei P20 Pro e che, ora, è standardizzato come la moda che Apple ha iniziato con tacca.

Anche se parlare di colori entra sempre in gioco l'opinione soggettiva di ognuno, senza dubbio mi è sembrato un bellissimo telefono e con una finitura corretta ... Tranne qualche dettaglio secondario.

Se non fosse per i "dossi" di questo Redmi, e per i miei hobby, la sezione del design sarebbe quasi perfetta

Prima di tutto, qualcosa che non mi piace davvero è il bordo che unisce la parte anteriore e quella posteriore. Il colpevole non è il materiale con cui è costruito (che in questo caso è di plastica), ma piuttosto che questo bordo non copre l'intero lato dello schermo, il che implica che il pannello non è protetto da possibili impatti accidentali.

Inoltre, e su base personale, qualcuno maniaco come un server passerà tutto il giorno a toccare il bordo sporgente del pannello. E credimi quando dico che non è piacevole se sei disturbato da questo genere di cose.

D'altra parte, troviamo un altro aspetto del design che potrebbe diventare un piccolo problema per gli utenti più maniacali: le telecamere. Abbiamo un bel dorso con il gradiente, il lettore di impronte digitali al centro e la doppia fotocamera nello stile di iPhone X e iPhone XS, ma il problema è nella "gobba" delle fotocamere.

Il rigonfiamento che li circonda è il "colpevole" che, quando poggia il telefono su un tavolo, balla al minimo che lo tocchiamo. Nel mio caso, lavoro davanti al computer e, in molte occasioni, mi trovo nella "necessità" di usare il telefono appoggiato sul tavolo.

Quindi, questo è stato un inconveniente, costringendoci a prendere il telefono ogni volta che vogliamo usarlo per rispondere a qualsiasi notifica. Nel nostro caso, l'abbiamo fatto perché abbiamo impiegato meno tempo a fare questa azione che a correggere gli errori di scrittura causati dal movimento del telefono sul tavolo.

Ora sì, uno schermo "quasi" infinito

L'eterna guerra tra pannelli IPS o AMOLED non è più in aumento come lo era qualche anno fa, sia perché i pannelli che i produttori stanno realizzando sono di qualità superiore, sia perché il pubblico è stanco di discutere, anche se ne dubito.

In effetti, l'anno scorso sono stato in grado di testare (per un mese intero come in questo caso) sia il POCOPHONE F1 che lo Xiaomi Mi 8. Due telefoni diversi con due diverse tecnologie di visualizzazione: IPS e Super AMOLED.

In questo caso ripetiamo la tecnologia e, come nel POCOPHONE F1, abbiamo un pannello LCD IPS ma che raggiunge fino a 6,3 "e mantiene la risoluzione (FullHD +). Naturalmente, le differenze tra questo tipo di pannello e il Super AMOLED sono Continuano a notare, ma per l'utente normale penso che questa schermata sia più che sufficiente per qualsiasi uso.

Buon uso della parte anteriore grazie alla "gocciolina", sebbene non così buona a causa dei telai scarsamente ottimizzati

Ciò che cambia, e molto, è il tacca. Nel Redmi Note 7 abbiamo un tacca sotto forma di una goccia come quella che troviamo nell'Oneplus 6T. UN tacca che migliora l'uso dello schermo e risolve il problema di cui mi stavo lamentando in POCOPHONE: la visualizzazione delle notifiche.

È stato molto facile adattarsi a quel poco tacca durante queste settimane usando il Redmi Note 7. Praticamente dall'inizio è scomparso alla vista e non mi ha infastidito quando consumavo contenuti o giocavo al telefono. Qualcosa che personalmente apprezzo molto.

E, parlando del consumo di contenuti, qualcosa che mi ha fatto piacere è quanto questo pannello sia bello da vedere all'aperto. Nei telefoni di questa gamma di solito è un problema, ma in questo caso non accade poiché è un pannello che soddisfa il livello di contrasto, nitidezza e colore, lasciando un'esperienza molto corretta. Inoltre, dettagli come la temperatura e il contrasto possono essere personalizzati attraverso le impostazioni.

Sebbene l'adozione del tacca sotto forma di una goccia, qualcosa che mi sarebbe piaciuto è una maggiore riduzione dei frame. D'altra parte, dobbiamo essere coerenti con il telefono che abbiamo in mano, la gamma in cui è classificato e, soprattutto, il prezzo, anche se ne parleremo più avanti.

Peso e fragilità sono dettagli che mi riportano al metallo

Infine, in questa sezione del design, ed essendo un'opinione totalmente personale, devo dire che preferisco ancora il retro in metallo al vetro.

Come abbiamo già accennato, il retro di questo Redmi Note 7 mi sembra molto carino, che non ho dubbi. Ma dettagli come il peso extra, la fragilità del vetro, per non parlare del magnete per impronte digitali che questa finitura diventa se non viene utilizzata una copertura, la rendono riluttante al vetro. Questa volta, inoltre, non ci sono "vantaggi" extra forniti dal vetro, come la ricarica wireless.

Buona esperienza utente con alcuni "ma"

A prima vista, questo telefono dà la sensazione di essere di una portata superiore a quella a cui appartiene, anche se non è l'unico di fascia media che si occupa del design. Laddove questi tipi di smartphone vengono generalmente traditi è nella sezione delle prestazioni, ma anche con uno Snapdragon 660 (una vecchia conoscenza) e 4 GB di RAM, il Redmi Note 7 ha funzionato senza problemi durante questo mese nelle attività di giorno in giorno come accedere a Twitter, Instagram, navigare in pagine Web o riprodurre contenuti.

Alla luce di ciò, ti starai chiedendo: come si è comportato in quei compiti più pesanti? E la verità è che abbastanza bene. Speravo che con giochi come "BATLAND" o "Brawl Stars" le prestazioni fossero buone ed è così, ma ciò che mi ha sorpreso in queste settimane è che di solito non si scherza quando si gioca a titoli più impegnativi come "Modern Combat 5" o 'Asphalt 9'.

Non sono eccessivamente quello che potresti chiamare un giocatore quando si tratta di smartphone, ma mi piace fare qualche giro di volta in volta. E anche se dimostra che non abbiamo il 100% della fluidità che sperimentiamo in un cellulare di fascia alta, l'esperienza è stata molto positiva, ad eccezione delle transizioni.

Sensazione di fluidità sì, ma non ovunque vada altrettanto bene. Sebbene abbia una soluzione.

A questo proposito e a rischio di sembrare pignolo, intendo che trovo scomodo dover aspettare un secondo o un secondo e mezzo dal momento in cui apro un'app fino a quando non viene visualizzato il suo contenuto. E non sto parlando di app pesanti, tanto meno, ma di aprire cose semplici come le impostazioni, la galleria e le applicazioni di sistema o la sensazione di ritardo momentaneo quando viene distribuito il multitasking.

Considerando le prestazioni complessive del telefono, mi è sembrato molto strano che ciò accadesse. Quindi, ha studiato per trovare una soluzione, trovandola nelle opzioni dello sviluppatore. Normalmente, in questa sezione, le animazioni sono in "1x Scala di animazione" ma dimezzando il problema delle animazioni e l'ingresso multitasking si trasforma in sensazione di estrema fluidità.

MIUI 10 è lungi dall'essere puro (ancora)

Come telefoni personali ho un Pixel 2 XL e un iPhone XS, qualcosa che sintetizza abbastanza bene le mie preferenze personali in termini di software: mi piacciono i sistemi operativi puri e senza troppi fronzoli.

Questo Redmi Note 7 funziona su Android 9 Pie, ma sotto lo stesso livello di Xiaomi, MIUI 10. In Xataka abbiamo parlato molto di questo livello avendo una particolare distribuzione di opzioni e delle aggiunte che presenta, essendo come in altri casi un livello che ti potrebbe piacere di più o di meno. Ma devo dire che ora con MIUI 10 noto un'esperienza migliore rispetto alle versioni precedenti, più pulita e "più semplice".

Qualcosa che apprezzo ogni volta che provo un telefono con MIUI sono i gesti, essendo una delle opzioni che mi convince di più di giorno in giorno a scorrere e muovermi attraverso il sistema. In effetti, sia Google che Apple propongono altre opzioni, ma anche se questi sistemi sono quelli che preferisco di più, i gesti MIUI sfruttano meglio l'utile superficie dello schermo, e lo adoro.

Naturalmente, MIUI è ancora uno strato che piacerà di più a chi ama personalizzare il proprio telefono, e forse non lo strato più leggero di tutti. Ma, come dicevo, mi è piaciuta l'esperienza in queste settimane.

Biometria e riconoscimento facciale "nascosto"

In questo caso non abbiamo un lettore di impronte digitali sotto lo schermo (qualcosa di normale perché non è stato democratizzato oltre la gamma alta), ma abbiamo il tradizionale lettore di impronte digitali sul retro. Un lettore che funziona abbastanza bene, facile da individuare e che ha fallito molto poco durante questo mese di utilizzo.

Naturalmente, sebbene a prima vista possa sembrare che non ci sia un sistema di riconoscimento facciale quando non si trovano le impostazioni per esso, il Redmi Note 7 ce l'ha. E in effetti funziona abbastanza bene, ma dobbiamo fare un piccolo trucco per usarlo: cambia la regione del telefono in Hong Kong in modo che appaia tra le impostazioni.

Per avere il sistema di riconoscimento facciale, faremo un viaggio a Hong Kong

È qualcosa che non sarà nuovo per quelli (forse più "clunker") che hanno già fatto casini con dispositivi con MIUI, ma probabilmente questo piccolo suggerimento può essere utile agli utenti al di fuori di questo modo di "scoprire" questa funzione.

Quindi, una volta che la regione è stata cambiata, il sistema di riconoscimento è apparso tra le impostazioni come previsto, e l'esperienza è stata molto buona. Il telefono si sblocca abbastanza rapidamente e di solito non si guasta, anche se quando indossiamo occhiali da sole (con gli occhiali da vista non ci sono problemi) il sistema non funziona e in ambienti con meno luce lo sblocco rallenta un po '.

Batteria che si incontra

Prima di lasciarti capire quanto tempo è durato questo telefono in ore di schermo, o quanto velocemente la sua batteria da 4.000 mAh si carica, devo chiarire che questa unità è arrivata a noi senza un caricabatterie originale (come abbiamo menzionato nella tua recensione), quindi I valori che ho ottenuto in queste settimane potrebbero essere diversi da quelli ottenuti con il caricabatterie originale.

Dopo questo mese, la batteria di questo Xiaomi ha funzionato abbastanza bene. Possiamo lasciare la casa alle 8:00 in direzione dell'ufficio e arrivare a casa nel pomeriggio con ancora il 35% o il 40% rimanente, qualcosa di apprezzato.

Questo si traduce, per chi ama più dati tecnici, in circa 7,5 ore di schermo. Certo, non sono stati così tutti i giorni, essendo una media ottenuta dopo 30 giorni di utilizzo.

Con altri tipi di utilizzo, sì, la batteria inizia a scaricarsi a una velocità maggiore. Ad esempio, giocando a 'Asphalt 8' per un'ora o più, uscire per scattare foto di architetture (sono un grande fan di questo stile fotografico) in cui la mia unica fotocamera era il telefono o la registrazione video stessa, che consuma molta batteria . Ma, come dicevo, non è qualcosa che ho fatto normalmente, quindi in quelle occasioni ho dovuto ricorrere al caricabatterie nel mezzo del pomeriggio.

Oltre ad avere una batteria per tutto il giorno, abbiamo una ricarica rapida. Un'eccellente sezione di autonomia

Fortunatamente, questo Redmi Note 7 è compatibile con la ricarica wireless Quick Charge 4+, un punto a favore senza dubbio anche se a sua volta solleva dubbi sul fatto che potrei avere un'esperienza migliore. Le cifre con un caricabatterie diverso rispetto all'originale (caricabatterie Google Pixel 2 XL con 5V / 3A) non sono male: 40% nei primi 30 minuti, per raggiungere il 100% della ricarica in poco meno di 2 ore.

Qualcosa che ho trovato personalmente curioso è stato il tempo di ricarica con il telefono spento, visto che il sistema operativo e MIUI 10 sono i "colpevoli" che il tempo di ricarica con il telefono spento rispetto all'accensione del telefono è praticamente il stesso. Ciò dimostra che, nonostante il fatto che MIUI sia un livello diverso (con personalizzazione e più caricato rispetto allo stock Android), ciò non significa che sia ben rifinito e ottimizzato per il trattamento delle azioni in background.

Fotografia da 48 megapixel e modalità notturna che danno un risultato corretto

Il Redmi Note 7 ha una doppia fotocamera posteriore, composta da un sensore principale da 48 megapixel e un sensore secondario da 5 megapixel per la misurazione della profondità. Un set di fotocamere in cui spicca ovviamente quel sensore da 48 megapixel, ma a cosa serve?

Questo era già stato [spiegato a noi dal nostro collega Enrique nella recensione iniziale che vi abbiamo collegato all'inizio; In sintesi, avere un sensore con così tanti megapixel non significa necessariamente che dobbiamo scattare le foto alla massima risoluzione (anche se possiamo farlo regolandolo nell'app della fotocamera). Ciò che è veramente importante per questi dati è l'uso della tecnologia "pixel binning", che combina i pixel vicini per creare un pixel più grande, generando una fotografia da 12 megapixel, che si traduce in fotografie più luminose e meno rumorose .

Detto questo, come si comportano queste telecamere su base giornaliera? È vero che essendo uno smartphone di circa 200 euro, le esigenze non possono essere elevate ma per ogni giorno queste fotocamere si incontrano in modo accettabile.

Telecamere posteriori

Con buone condizioni di luce, sia al mattino presto che al sole di mezzogiorno, i risultati sono stati buoni. Il livello di dettaglio è alto, abbiamo una gamma dinamica decente, anche se qualcosa che non mi è piaciuta molto è il leggero "appannamento" che a volte genera quando abbiamo una forte retroilluminazione (qualcosa che è successo sporadicamente in questo mese) .

Inoltre, con questo smartphone abbiamo diverse modalità di acquisizione, come la modalità HDR o l'utilizzo dell'IA per il riconoscimento delle scene. Queste modalità finiscono per convincere se ciò che stiamo cercando è una foto realistica (specialmente usando l'intelligenza artificiale). Ora, se ciò che vogliamo è una cattura per i nostri social network, la modalità HDR di questo Redmi Note 7 lascia risultati con un maggiore grado di nitidezza e soprattutto con un contrasto più elevato e colori leggermente più vivaci.

La fotografia a 48mp migliora il risultato ma non abbastanza per attirare l'attenzione

D'altra parte, e ricordando i dettagli tecnici del sensore da 48 megapixel, i risultati che ho ottenuto nel corso di questo mese sono convincenti, anche se personalmente ritengo che la maggior parte degli utenti potrebbe finire per non utilizzare questa modalità. Il motivo: non credo che la maggior parte dei potenziali utenti di questo smartphone noterà la differenza tra una fotografia e l'altra, a meno che non riescano a stamparla su una scala più ampia.

Ovviamente, se ingrandiamo le foto a risoluzione più elevata, i denti della sega impiegano molto più tempo ad apparire su queste rispetto alle foto standard. Ma devi avvicinarti abbastanza perché ciò accada, oltre alla differenza in termini di luminosità in quelle fotografie con tecnologia di binning pixel è praticamente trascurabile.

Dove questa Redmi ci sorprende davvero è nelle fotografie notturne. Ciò non significa che ci sia una qualità spettacolare, ma che il risultato sia abbastanza decente per la fascia di prezzo in cui ci stiamo muovendo.

Quando scattiamo fotografie in condizioni di scarsa luminosità, possiamo vedere che, nonostante notiamo il calo di nitidezza e vediamo come appare il rumore quando lo forziamo un po ', le immagini vengono trattate correttamente. Dove forse troviamo un piccolo problema è nel trattamento dei raggi abbaglianti, ma in questo caso Xiaomi ha incorporato una modalità notturna che risolve correttamente.

Con la modalità notte, le fotografie che possiamo ottenere per recuperare aree abbastanza sfruttate negli abbaglianti, ottenendo un po 'più di dettaglio con immagini più contrastanti. In cambio, sì, otteniamo un rumore più evidente quando il sensore viene forzato con meno luce. Qualcosa che accade troppo spesso, ma con la pratica e conoscendo i limiti di questa fotocamera è possibile ottenere foto della buona notte.

Come ultimo dettaglio prima di passare all'esperienza di questo mese con la fotocamera frontale, devo parlare della modalità ritratto di questa Redmi.

Per quanto riguarda la modalità ritratto, come si potrebbe pensare di un terminale di questa gamma, il taglio è scadente e piuttosto irregolare (anche in situazioni non particolarmente difficili). È vero che mantiene bene i dettagli se le condizioni di luce sono buone, ma abbiamo lasciato la sensazione che il risultato sia piuttosto scarso.

Fotocamera frontale

I risultati di questa singola fotocamera da 13 megapixel sono abbastanza soddisfacenti. La cosa più notevole è il livello di dettaglio che siamo riusciti a raggiungere, ma contro la gamma dinamica lascia a desiderare, poiché con relativa facilità le luci dirette o contro di loro esplodono lasciando un "disordine" bianco nelle catture.

Inoltre, questa fotocamera ha anche la modalità ritratto, ma come abbiamo detto nei risultati di quella principale, il taglio non mi ha convinto, principalmente a causa della profilatura che fa con i capelli nelle catture.

Guarda la galleria completa »Galleria fotografica Redmi Note 7 (48 foto)

video

Come al solito in questo tipo di smartphone, ci aspettavamo una risoluzione massima di 4K a 30fps, ma in questo caso troviamo 1080p a 30fps (e 1080p a 120fps per rallentatore). Ed è alquanto strano essere il processore compatibile con la registrazione 4K, anche se Xiaomi non ha ancora "rilasciato" questa risoluzione.

I video che possiamo realizzare con questo Redmi Note 7 hanno alcuni ma, che aggiunti ai commenti sulla risoluzione ci hanno lasciato un sentimento non del tutto soddisfacente. Da un lato, la stabilizzazione funziona se spostiamo il telefono mentre registriamo mentre restiamo statici, ma quando iniziamo a camminare, la vibrazione appare rapidamente (indipendentemente dalla stabilizzazione che abbiamo attivo).

Vi sono, inoltre, altri punti di miglioramento come la brusca variazione dell'esposizione, i colori scadenti o la messa a fuoco irregolare che non mi lasciano completamente soddisfatto di questa sezione. Di seguito mostriamo un video con diversi esempi, in modo da poterlo valutare tu stesso.

Una buona opzione se stai cercando un telefono economico

Dopo queste quattro settimane, l'esperienza con questo Redmi Note 7 è stata abbastanza buona. È un telefono con una finitura corretta che, ignorando il "problema" nella terminazione dei bordi, attira molta attenzione a causa di quella parte posteriore degradata e di un fronte abbastanza ampio.

Potrebbe non essere il telefono più potente sul mercato, ma funziona sorprendentemente bene praticamente in tutte le situazioni. E questo denota che, sebbene MIUI non sia lo strato più leggero di quelli esistenti, è abbastanza ben lucidato e ottimizzato, rendendolo chiaro nella gestione della batteria.

Poiché questo è il primo passo di Redmi come marchio, lo consideriamo un buon inizio in quanto è anche un telefono nella gamma di 200 euro. Uno smartphone che, sebbene sia più stretto nella sezione delle telecamere, è pronto a combattere in quello che è forse il settore più complesso di tutta la telefonia.

Sarà ben accettato dai tuoi futuri acquirenti? I mesi seguenti lo diranno ma, senza dubbio, dopo l'esperienza con lui durante queste settimane concludiamo che è un'opzione molto importante da considerare se non siamo dei buongustai nella fotografia.

Xiaomi Redmi Note 7 16 GB (6.3 ") 4 GB 64 GB Hybrid Dual SIM slot 4G Blue 4000 mAh - Smartphone (16 cm (6.3"), 4 GB, 64 GB, 48 MP, Android 9.0, Blu)

Oggi su Amazon per € 170,00

Condividere none:  La Nostra Selezione Scienza Analisi 

Articoli Interessanti

add