Organi stampati in 3D per guidare il bisturi del chirurgo

Maki Sugimoto è un chirurgo all'ospedale universitario di Kobe. Di recente, lui e il suo team hanno affrontato un caso particolarmente delicato in cui hanno dovuto adattare il fegato di un donatore adulto per essere trapiantato in un paziente minore.

Il problema principale era che l'organo doveva essere tagliato per adattarsi alla cavità più piccola del paziente senza recidere i vasi sanguigni maggiori. Per guidare se stesso, Sugimoto ha escogitato una rara procedura: stampare una replica tridimensionale del fegato usando una stampante 3D.

Nuove tecnologie diagnostiche come la tomografia 3D offrono modelli tridimensionali molto affidabili all'interno del nostro corpo. Sugimoto è partito da quella base per riprodurre i vasi sanguigni dell'organo in un tipo di resina e il resto del tessuto in un composto morbido e traslucido.

Il risultato fu una riproduzione fedele, sebbene spettrale, dell'organo in cui il medico può pianificare in dettaglio i tagli da eseguire senza paura dell'errore. L'operazione è andata a buon fine.

Una tecnologia in forte espansione

La stampa 3D è una tecnologia che sta iniziando a essere popolare tra i medici. Fino ad ora, la maggior parte dei modelli erano modelli ossei per interventi chirurgici maxillo-facciali o ricostruzioni ossee, ma l'iniziativa di Sugimoto va oltre consentendo ai chirurghi di lavorare con modelli reali per affrontare operazioni delicate con maggiori garanzie.

Le stampanti per organo sono ancora molto costose per piccoli ospedali e centri medici. Inoltre, per utilizzare la stampante sono necessarie conoscenze tecniche. Per questo motivo, le aziende esterne stanno iniziando a proliferare in Giappone che svolgono questo lavoro su richiesta dei medici con i modelli tridimensionali che inviano loro.

Il Dr. Sugimoto sottolinea che il futuro verrà stampando direttamente organi funzionali dalle cellule staminali del paziente, ma mentre arriva quel futuro, l'impressione dei modelli di resina è di grande aiuto in medicina.

Condividere none:  Divertimento Scienza Analisi 

Articoli Interessanti

add