Moto E 2015, analisi: non è perfetto ma non troverai niente di meglio per 129 euro

Dopo un 2014 in cui l'ingresso e la gamma media sono diventati forti, la grande riconvalida arriva per un marchio che non è più solo su quell'isola di smartphone economici ma ben preparati (SBASP).

Abbiamo messo alla prova la Moto E LTE 2015 per offrirti un'analisi completa per verificare se i miglioramenti che arrivano in quasi tutte le sezioni tecniche sono sufficienti per mantenere l'amore per un terminale che ha significato tanto sul mercato degli smartphone direttamente ma indiretto in quanto ha spostato i rivali che volevano avere qualcosa da dire nel libero mercato.

Nuova Moto E LTE, un po 'più di quasi tutto

Quando abbiamo rivisto le principali caratteristiche della Moto E dopo il suo annuncio ufficiale, abbiamo già notato che meno nella risoluzione dello schermo, la nuova Moto E offriva un po 'più di tutto. Vi lasciamo con un riepilogo delle sue specifiche:

Moto E 2015, caratteristiche tecniche Dimensioni fisiche 129,9 × 66,8 × 5,2-12,3 mm millimetri, 145 grammi schermo IPS 4.5 pollici Risoluzione 960 × 540 pixel (244 dpi) Processore Qualcomm Snapdragon 410 4x1.2 Ghz RAM 1 GB Memoria 8 GB (espandibile con slot microSD) Versione software Android 5.0.2 Connettività LTE Cat 4, NFC, Bluetooth 4.0, Wi-Fi ac Macchine fotografiche 5 MP primario e VGA secondario Batteria 2390 mAh (non rimovibile) Prezzo 129 euro su Amazon

Come vediamo, Motorola ha aggiornato le dimensioni dello schermo, il processore, ha ampliato la capacità della batteria e migliorato la fotocamera (ora ha l'autofocus e uno secondario), oltre a includere la connettività LTE. L'aumento della risoluzione dello schermo o della connettività NFC è diventato un problema che diventerà importante per il pagamento mobile. Passiamo alla sua analisi completa.

Personalità Motorola al 100%

Motorola ha realizzato in breve tempo che i suoi terminali hanno un aspetto molto caratteristico e che possiamo identificare e apprezzare sia dalla vista che dal tatto. Prendi una Moto E o Moto G e sai quasi alla cieca che hai a che fare con un prodotto di marca.

Con la Moto E 4G, oltre alle cifre che indicano che è più pesante e spessa rispetto allo scorso anno e molto simile all'originale Moto G), abbiamo trovato robustezza, una buona finitura nonostante l'uso di plastica e una sensazione che è un terminale che resisterà molto bene al passare del tempo.

La nuova Moto E è comoda in mano, pesante (145 grammi) per le sue dimensioni ed è perfettamente gestita con una mano. Tre dettagli molto interessanti sono la presa laterale, che è intercambiabile per dargli il tocco di colore che il modello dell'anno scorso si basa su involucri, la leggera curvatura della parte posteriore e la finitura gommosa e non opaca di quella parte del terminale. Queste tre caratteristiche conferiscono a questa Moto E una presa eccezionale e una sensazione di buona qualità.

A livello di design, la Moto E 2015 assomiglia più a una Moto G rispetto alla Moto E. dell'anno scorso Ora sul davanti andiamo a un singolo altoparlante in alto (che soddisfa il minimo, non aspettatevi nulla di sorprendente nel suono), pulsanti integrati sullo schermo e controlli fisici di ottima finitura e buon viaggio. L'accensione e il blocco includono la trama per differenziarlo dal volume.

Considerando che lo schermo è cresciuto a 4,5 pollici, ci si aspettava che la Moto E allungasse le sue dimensioni, ma ci sembra che a livello di telaio, specialmente nella parte superiore e inferiore, avrebbe potuto fare un lavoro migliore. Ma questo sarebbe dimenticare il suo prezzo, di 129 euro, che segna abbastanza ciò che può o non può offrire.

Sul retro, l'involucro che non è (non può essere rimosso) è in plastica, ha una finitura gommosa e sarà disponibile solo in due colori: bianco e nero. Se vuoi un po 'di personalizzazione, un trucco che mi sembra fondamentale in un terminale con un chiaro profilo giovanile, devi ricorrere a bande colorate che vengono vendute separatamente.

Sotto quella banda ci sono gli slot per schede microSD e microSIM. Rimuoverlo richiede pazienza, abilità e cura per non danneggiare il caso. Per curiosità, se stai cercando il numero IMEI, viene fornito in una carta nascosta anche in una fessura sotto la cornice intercambiabile.

Altrimenti, sulla quarta di copertina c'è il logo Motorola leggermente infossato e la fotocamera, che non ha un flash nonostante l'anello che potrebbe indicare diversamente.

Ingrandimento dello schermo, la grande differenza rispetto al modello dell'anno scorso

Con i cinque pollici della Moto G, Motorola ha deciso su questa Moto E di aumentare leggermente la diagonale per raggiungere una cifra che oggi possiamo quasi considerare il minimo nel mondo degli smartphone: 4,5 pollici. Il caso è che l'aumento dello schermo non ha una risoluzione migliore e ci rimangono gli stessi 960 × 540 pixel che lasciano una densità inferiore a 250 dpi.

Lo schermo va detto che sembra abbastanza buono, con una luminosità sufficiente anche se non spettacolare (un po 'meno di 400 nit) che consente la sua visualizzazione all'aperto, ma ciò è inevitabilmente dimostrato se confrontato con i pannelli a densità brutale nella gamma alta o addirittura nella media.

Meno di 250 dpi non è male per questa categoria di smartphone, e non ci sono nemmeno rivali che migliorano davvero quelle funzionalità, ma non vogliamo mentirti e dirti che se ti insegnano una fascia alta non apprezzerai facilmente la differenza. Inoltre, quando si tratta di testo e notifiche, se li si utilizza molto, è consigliabile iniziare a pensare di avere un pannello con più dpi perché l'ottimizzazione di tali applicazioni andrà in questo modo.

Per il resto, Motorola si è preoccupata di offrire un pannello IPS di qualità, con buoni angoli di visualizzazione ad eccezione di luminosità, piacevole riproduzione dei colori ed eccellente risposta tattile. È sicuramente il miglior pannello che puoi ottenere per il prezzo di questo terminale.

Prestazioni previste ma senza pensare che stiamo già affrontando un Nexus

Con uno schermo da 5 pollici che non raggiunge una risoluzione di 720p e uno Snapdragon 410 accompagnato da 1 GB di RAM, sulla carta tutto sembra coerente in modo che la Moto E offra prestazioni accettabili. Ma non è finito così nonostante i dati dei benchmark.

In GeekBench ha ottenuto 1408 punti e il PC Mark Work Performance è rimasto a 3477 punti. Nella tabella appare rispetto ai terminali accanto per concezione e prezzo, oltre al Moto G o al Galaxy A5:

Moto E 2015 Samsung Galaxy A5 Moto G (2014) Wiko Ridge 4G Honor 3C AnTuTu 21894 20858 17429 21018 19206 Quadrante 13431 12278 8708 11642 5738 Vellamo 1955 3047 1935 2045 --

Nonostante questi dati, su base giornaliera ci dà una sensazione di fluidità adeguata se ci atteniamo alle attività di base, ma a poco a poco vogliamo richiedere non solo nei giochi ma in rapidi cambiamenti tra le applicazioni o diverse schede pesanti nel browser, il ritardi e una strana sensazione di non essere di fronte a un terminale attuale. Anche il feedback tattile sembra bloccato a volte se ne chiediamo troppo con il multitasking, per esempio.

Oltre alla connettività LTE, qualcosa di molto prezioso da ora in poi, la Moto E 2014 offre un'espansione della memoria interna da 4 a 8 GB, un passo avanti. Ora la memoria disponibile per l'utente non appena il terminale è acceso è di 5 GB, sempre espandibile con schede microSD.

Dato che le immagini della fotocamera sono di solito il motivo principale per terminare quella poca memoria dei terminali del range di input, essere in grado di indicare dall'interfaccia della fotocamera che vogliamo che la scheda SD sia il luogo di archiviazione predefinito è un buon modo per gestire la memoria interna da 8 GB.

Quasi 5 GB degli 8 disponibili sulla Moto E sono per l'utente. È già molto più di tutta la memoria del modello precedente, che era abbastanza insopportabile per la velocità con cui abbiamo esaurito la capacità disponibile.

La versione Android è 5.0.2, senza livelli di alcun tipo. L'unica aggiunta che abbiamo trovato è la solita finora nei terminali Motorola di fascia più alta, come Moto Actions che attiva la fotocamera semplicemente scuotendo il terminale, o il Moto Display, che ci mostra automaticamente le notifiche quando prendiamo il furbo. Per quanto riguarda come ha funzionato per noi sulla Moto X, ci sono differenze, quindi non aspettarti molto da loro.

Per il prossimo futuro speriamo che Motorola continui a venire sul mercato con l'ultima versione di Android, ma dobbiamo dimenticare di considerarli. pseudoNexus Perché stiamo già vedendo che l'arrivo di Android 5.0 ai modelli precedenti non è veloce come previsto e anche da Motorola stesso ci avvertono: la promessa di avere la prima ultima versione di Android continuerà a essere presente ma senza fretta.

La fotocamera è ancora il grande svantaggio della Moto E

Dai un'occhiata intorno a te in questi giorni e vedrai che l'uso dello smartphone come una macchina fotografica, qualunque sia la situazione, non ha eguali. Quindi non dovresti trascurare il minimo.

La Moto E 2015 è dotata di un sensore con la stessa risoluzione di 5 MP del modello dell'anno scorso, ma con la novità dell'autofocus. Ma nient'altro. Il flash LED, di cui non sono un sostenitore, ma molti mancheranno, non esiste e le prestazioni della fotocamera principale hanno ancora molti compromessi.

Nelle scene luminose e se vogliamo la foto per i social network, punto, non c'è molto problema. La fotocamera scatta velocemente, mette a fuoco bene e i risultati sono abbastanza accettabili. Un'altra cosa è che vogliamo dettagli in quelle scene, perché devo dirti che è evidente per la sua assenza o almeno avrebbe dovuto essere migliorato. Un'opzione che si consiglia di abusare è l'HDR, che in generale ci offrirà risultati migliori nelle scene senza complicazioni.

Il punto in cui sono evidenti le carenze della fotocamera della nuova Moto E è quando si tenta di scattare foto in movimento, il che è strano che risultino nitide, ma soprattutto nelle scene in condizioni di scarsa illuminazione sia all'interno che di notte.

La solita situazione con la fotocamera Moto E è che risolve bene la foto ma con un rumore travolgente e una perdita quasi assoluta di dettagli.

Altre considerazioni che voglio condividere sono che, come abbiamo già detto quando si parla di Android 5.0, l'interfaccia della fotocamera può essere molto semplice se si intende trarne vantaggio, anche se, d'altra parte, per il pubblico giovane può tornare utile. Qui è consigliabile optare per applicazioni di terze parti se si desidera avere un maggiore controllo.

E se, a causa del suo profilo giovanile o dell'arrivo della fotocamera secondaria, si pensasse che la Moto E 2015 si sarebbe impossessata di se stessa come uno smartphone che si prendeva cura dei selfie, dimenticarsene completamente. La fotocamera VGA è quasi uno scherzo pratico in questi giorni e difficilmente ti farà uscire dai guai con molta luce per una videochiamata. Ma quasi nemmeno quello.

Guarda la gallery completa »Campioni Moto E 2015 (16 foto)

Autonomia: eccellente per dimensioni

Abbiamo lasciato alla fine la sezione in cui il Motorola Moto E 2015 spicca di più: l'autonomia. Un processore più efficiente, uno schermo meno impegnativo e una batteria di capacità superiore (2390 mAh) significano che nel nostro test di diverse settimane con questo terminale come dispositivo principale e uso molto intenso, siamo sempre stati in grado di ottenere almeno 5 ore di schermo illuminato.

In termini di ore di autonomia abbiamo sempre raggiunto la fine della giornata con un pò di batteria, dell'ordine di un quarto di capacità, che ci ha permesso di raggiungere, a seconda dell'utilizzo, fino a un giorno e mezzo in totale. Se guardiamo un utente meno intensivo, i due giorni sono una cifra raggiungibile. I test dei siti di riferimento mostrano dati simili in autonomia.

Nota e opinione di Xataka

Restare un punto di riferimento nella gamma di ingresso nel 2015 sarà molto difficile. La Moto E 2015 è postulata come abbiamo visto nell'analisi come un candidato serio per un altro anno per una migliore gamma di ingresso grazie al suo buon feeling, alla qualità dello schermo all'interno della sua gamma e ad una batteria che ci ha lasciato molto soddisfatti.

La parte meno positiva è principalmente nelle prestazioni e nella fotocamera. Nel primo caso, ci aspettavamo di più e crediamo che questo non sia qualcosa a livello di hardware, ma è preoccupante se Motorola intende attirare potenziali acquirenti di terminali più costosi.

Ciò che l'utente vuole fare ogni giorno con il suo smartphone cresce in modo esponenziale e non avere dubbi sulle prestazioni è fondamentale in tutte le gamme o c'è il rischio di essere tentati di salire di categoria. Lo stesso accade con la fotocamera, un elemento che può contenere o affondare uno smartphone e che, nonostante il miglioramento, ha ancora un viaggio straordinario nella Moto E 2015.

Se la Moto E ai suoi tempi ci ha lasciato una nota di 7, questa Moto E 2015 la migliora a una 7.3 che riflette sia il salto di qualità generale della squadra (moderato, sì), sia la difficoltà che la gamma di ingresso e requisiti in generale nel mondo degli smartphone nel 2015. Ma se il tuo budget è di 129 euro, al momento non esiste un terminale Android migliore sul mercato.

7,3

Design6.5 schermo Performance7 Camera6 Software8.75 Autonomy8,5

In favore

  • Uno dei migliori schermi che possiamo ottenere per il suo prezzo
  • Robustezza e presa
  • Autonomia che ti lascerà completamente soddisfatto
  • Ciò che dà uno smartphone di poco più di 100 euro

Contro

  • La fotocamera offre ancora una qualità generale scadente
  • Prestazioni con compromessi se ti aspetti di più dal tuo smartphone
  • Cornici abbastanza grandi
  • Contributo ridicolo della camera secondaria in un terminale con un profilo giovanile

Il telefono è stato prestato per i test da Motorola. Può indagare sulla nostra politica di relazioni con le imprese

Motorola Moto E (2a generazione) - Smartphone da 4,5 "gratuito (Quad Core 1,2 GHz, 1 GB RAM, 8 GB, fotocamera da 5 MP, Android) colore nero

Oggi in Amazon per 79¤

Condividere none:  Analisi La Nostra Selezione Mobile 

Articoli Interessanti

add