Moon, il gioco da tavolo Copyleft che ha finalmente fatto capire ai miei studenti come funziona un computer

Saresti in grado di posare un modulo lunare Eagle dalla missione Apollo 11 sulla Luna lavorando come farebbe un computer? Se ci riuscirai, non solo avrai sperimentato in prima persona il problema che l'equipaggio della missione sulla Luna ha dovuto affrontare nel 1969, ma sulla strada ti sarai divertito mentre imparavi a contare in binario e a capire in modo pratico come funziona un computer di base.

Il gioco da tavolo Moon, creato da un ingegnere spagnolo grazie a una campagna su Kickstarter, ricrea quei momenti storici con le carte in modo che chiunque lo giochi, oltre a divertirsi, impari a pensare al computer e a risolvere i problemi. Per terminare la sua campagna di finanziamento collettivo, abbiamo già giocato con lui.

I meccanismi interni di un computer ricreati in un gioco da tavolo

"Professore, giocheremo un altro gioco su Moon?" Il suggerimento è stato fatto pochi giorni fa da uno studente di 12 anni che ha imparato a eseguire semplici operazioni in binario in appena mezz'ora e che capisce perfettamente il ruolo della RAM in un computer. E so dall'esperienza che hai avuto che non lo dimenticherai mai.

Può sembrare un risultato minore, ma qualcuno che è stato in giro il modo più interessante, motivante e utile per dire come funziona un computer lo vede da più di 10 anni. Che ciò che accade quando si accende un gioco intelligente o un gioco per PC, quasi gli unici "computer" che conoscono a quell'età, non è "un miracolo".

Imparare come funzionano le cose è la chiave per ottenere il massimo dalla tecnologia (e anche critica). E un computer è la base di "quasi" tutti i nostri gadget

Una delle metodologie attive più popolari attualmente è ABJ (Game Based Learning). In esso i giochi sono usati per usarli come veicolo per l'apprendimento o l'introduzione di concetti da sviluppare in seguito. Quei giochi potrebbero già esistere o essere creati per l'occasione. La luna è seconda.

Questo gioco di carte nasce da un'idea di Pablo Garaizar, professore nel dipartimento di Telecomunicazioni della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Deusto, nonché membro del Deusto Learning Lab, specializzato in istruzione e tecnologia.

Uno dei progetti che ospita il Deusto Learning Lab è Compus, un gruppo creato per progettare, produrre e distribuire giochi da tavolo con licenza Copyleft relativi ad attività che promuovono l'apprendimento del pensiero computazionale.

La prima creazione di Garaizar è stata un completo successo su Kickstarter, ottenendo in meno di 12 ore l'importo necessario per la sua creazione.

Come gioco da tavolo, attorno al suo sviluppo c'è un punto di partenza o una storia che è la fine del filo da tirare. Nel caso di Moon abbiamo l'equipaggio del modulo lunare Eagle di fronte a un possibile crollo del computer di bordo a quasi 400.000 km da qualsiasi servizio tecnico o amico del computer. Con queste stesse parole ho introdotto il gioco della Luna prima ai miei figli, di 6 e 8 anni, e poi ai miei primi studenti dell'ESO. La sua attenzione è stata facile da vincere.

Tempo di riflessione prima di decidere quali istruzioni utilizzare per modificare i record del computer del modulo lunare Apollo 11

Il design del software con cui funzionava il computer di Eagle è stato realizzato dal team guidato da Margaret Hamilton. Era preparato in modo che, se necessario e in considerazione della limitata capacità di elaborazione a sua disposizione, le informazioni veramente rilevanti per l'atterraggio sulla luna potessero essere elaborate e altre istruzioni che venivano da lui ma che a quel tempo erano considerate secondarie potevano essere ignorate.

Con questa premessa, il gioco Moon mette il giocatore nei panni del computer Apollo 11 con l'obiettivo di risolvere gli incidenti che si verificano, usando solo ciò che un computer sa fare molto bene: eseguire operazioni binarie sui suoi registri seguendo un ordine.

Individuale o competitivo: le due modalità di gioco in Moon

Moon è un gioco da tavolo educativo basato esclusivamente su carte. Nonostante ciò, può essere giocato con la semplice ambizione di divertirsi al fine di risolvere i problemi che si presentano nel gioco.

Per raggiungere questo obiettivo devi imparare a contare in binario, eseguire operazioni con porte logiche e simulare il funzionamento di un computer di base.

Il gioco può essere utilizzato senza una tavola, ma richiede un grande tavolo per giocare comodamente

Il gioco è consigliato a partire dagli 11 anni. Avendolo già provato, l'età si adatta molto bene alla realtà, sebbene con accompagnamento e un po 'più di pazienza, da 7 a 8 anni potremmo già giocare con i bambini interessati all'argomento e usando solo semplici istruzioni e azioni.

I giochi possono essere da 1 a 4 giocatori e il tempo medio di ognuno è di circa mezz'ora. Con queste caratteristiche si adatta ai giochi che uno può portare da un posto all'altro e portarlo fuori alle riunioni degli amici, alle feste per bambini o persino alle escursioni purché ci sia uno spazio come un tavolo per posizionare correttamente le carte.

Sebbene Moon abbia aspirazioni educative molto forti, la sua meccanica e la sua scalabilità lo rendono un gioco di carte molto interessante per tutti, specialmente in modalità competitiva multiplayer.

Le carte, di qualità abbastanza elevata nel prototipo che siamo stati in grado di giocare, sono più di 100 nel gioco base, ma non tutte devono sempre entrare in gioco. Sono quadrati, con dimensioni di 6,5 cm su ciascun lato.

I meccanismi non sono molto complicati da assimilare per iniziare a giocare presto, ma il design dello stesso ammette di complicare ed espandere le possibilità con facilità, permettendoci un tour scalabile che non tutti i giochi di carte ammettono sempre se non è con estensioni .

La preparazione del gioco è semplice e veloce. Come vedremo più avanti, esiste un tabellone che facilita questo compito, ma non è essenziale giocare a Moon.

Il gioco si basa sulla modifica dei registri A, B, C e D di un computer utilizzando gli stati precedenti dei bit di questi registri e modificandoli mediante carte operative (e in modalità di gioco più complesse, con carte di eventi).

Sezione del "consiglio" in cui sono raggruppate le operazioni che possiamo eseguire nei registri

Queste carte operative sono 9: INC (aumenta il registro 1), DEC (sottrai 1), operazioni logiche (OR, AND e XOR) e complementari come NOT, ROL, ROR e MOV. In quelli che ne hanno bisogno, il retro della lettera spiega graficamente l'effetto sui bit di registro.

La parte di spiegare attentamente come queste lettere influenzano i bit dei registri è la più pesante quando suoniamo semplicemente per svago, ma tuttavia, nell'ambiente educativo è il più interessante perché ci consente di introdurre il linguaggio binario, le operazioni con bit, il concetto di registrazione di un computer e spiegazione delle operazioni che possono essere eseguite sull'elettronica digitale con porte logiche e altri operatori.

Esempio di operazione INC su un record specifico

Ognuna di quelle carte operative ha un'icona che indica il costo energetico di cui abbiamo bisogno per poterle utilizzare. È la chiave del gioco: la gestione dell'energia per eseguire le operazioni necessarie per risolvere un problema. Il concetto viene rapidamente ripreso dai bambini perché è già comune nella loro lingua e meccanica per giochi come Clash Royale.

Il fattore educativo di Moon è chiaramente visibile nella gestione dell'energia: se sai come eseguire operazioni più complesse avrai virtualmente più possibilità di modificare i bit di registro ogni turno

Ci sono operazioni che costano mezza unità di energia, altre una e alcune fino a due. La cosa interessante è che il costo è associato alla complessità dell'utilizzo dell'operazione. Quelli più semplici da usare costano di più, il che introduce una componente motivante molto potente dell'apprendimento: se impari a usare operazioni logiche con bit più complessi, ottieni vantaggi nel gioco.

Il gioco iniziale utilizza registri a 4 bit, ma possiamo estenderli fino a sei per aumentare la difficoltà, come vedremo più avanti.

Ciascuno dei registri della CPU ha i loro grafici a bit. Il suo stato è acceso o spento e lo cambiamo semplicemente girando la lettera corrispondente.

Il gioco base consiste nel risolvere le sfide che il giocatore sta affrontando dal mazzo di carte bersaglio, che sono i calcoli che gli astronauti devono effettuare per far atterrare il modulo Aquila.

Durante il suo turno, il giocatore deve usare al massimo le unità di energia che ha a disposizione (sono inizializzate ogni turno e in modalità facile ce ne sono 3 che il giocatore deve usare) per eseguire le operazioni che ritiene necessarie per raggiungere registrati Una sfida della carta bersaglio che hai pescato nel tuo turno. Il giocatore può usare le carte operazione nei registri che desidera, ma è in A che deve essere il risultato.

Usando le operazioni logiche sui bit di qualsiasi registro, il giocatore deve completare nel registro A del computer la sfida segnata sulla carta obiettivo che ha pescato nel suo turno

Nella modalità di gioco individuale, una specie di solitario digitale, se puoi replicare la carta bersaglio nel registro A usando al massimo le unità di energia disponibili (non devono essere usate tutte in ogni turno ma non si accumulano per il prossimo ), è possibile terminare l'incidente sul computer. Il giocatore vince quando è riuscito a risolvere tutte le carte bersaglio nel mazzo corrispondente.

Come ho indicato, le carte bersaglio vengono risolte solo quando vengono "copiate" per registrare A. E non deve essere nello stesso turno in cui vengono prese dal mazzo di carte bersaglio. In realtà non è la solita cosa, quindi Moon ha un po 'di una strategia per preparare alcuni registri per essere in grado di risolvere la carta obiettivo forse in un paio di turni dopo.

Nel gioco le carte bersaglio irrisolte in ciascun turno sono disposte in fila. Se non riesci a risolverli prima che uno di loro raggiunga la posizione 5, avrai perso

All'inizio del turno di ogni giocatore, una nuova carta bersaglio viene pescata dal mazzo e posizionata sulla riga corrispondente. Se tutte le carte vengono risolte nella fila (vengono rimosse dalla fila), quella da risolvere nel turno. Se alcuni rimangono incompiuti, la nuova scheda non viene rilevata e diventa parte della coda di esecuzione del computer.

La pila di carte bersaglio. Se non risolviamo il problema nel registro A prima che raggiunga la posizione 5, il modulo lunare andrà in crash

Se, alla fine del tuo turno, una carta bersaglio non risolta rimane nella quinta ed ultima posizione nella tua fila, avrai perso la partita dalla prossima volta che prendi una carta dal mazzo non avrai spazio per posizionarla. Non c'è stato tempo di far atterrare correttamente l'Aquila.

Fai attenzione perché ciò può accadere anche quando la pila di carte bersaglio è esaurita ma hai carte da risolvere nella tua fila. Ad ogni turno in cui provi a risolvere quella (o più) carte in sospeso, le carte avanzano di un posto nella fila anche se non ci sono nuove carte da posizionare sotto.

Quando sei riuscito a risolvere l'intero mazzo di carte bersaglio senza che la fila trabocchi con un incompleto che raggiunge la quinta posizione, avrai avuto successo nel gioco e l'Aquila farà di nuovo la storia come nel 1969.

Modalità competitiva: arriva la RAM

La strategia a lungo termine di Moon è ancora più importante quando si gioca contro altri giocatori. Non si tratta più solo di preparare i registri per risolvere i nostri obiettivi di missione, ma di complicare la risoluzione dei problemi degli altri giocatori. O almeno non renderlo facile per lui.

Le carte di cui abbiamo bisogno per la modalità competitiva (fino a 4 giocatori)

Nel caso di giochi competitivi, il concetto di RAM viene introdotto nel gioco. Ogni giocatore ha un registro speciale con il suo colore del giocatore e che può essere usato come qualsiasi altro registro sul computer, ma solo quel giocatore può eseguire operazioni su di esso.

In questa modalità di gioco, il giocatore che pesca la carta bersaglio non deve mostrarla agli altri giocatori. Lo fa solo quando lo ha risolto, per verificare che in effetti, durante il suo turno, è riuscito a "copiare" l'obiettivo di registrare A.

Nella modalità Showdown non c'è una pila di carte bersaglio e quella con le carte bersaglio più risolte vince semplicemente finendo la pila corrispondente.

Nella modalità showdown non tutti devono essere allo stesso livello. Possiamo adattare un tipo di handicap usando diversi livelli di energia disponibili per ogni giocatore

Altre peculiarità della modalità di confronto, ben raccolte nel manuale di gioco, influiscono sul costo energetico di alcune operazioni e sulla carta BUG, ​​che in questo caso ha il vantaggio di poterla utilizzare in qualsiasi momento per vedere la carta bersaglio di un contrario.

La gestione dell'energia disponibile è la chiave per vincere

La cosa interessante di questa carta BUG nella modalità di confronto è che se la usiamo, perdiamo il suo possesso, che passa al giocatore che abbiamo costretto a mostrare la sua carta obiettivo (e questo è uno svantaggio perché il resto dei giocatori può infastidirlo per ottenere il suo obbiettivo). Può usarlo quando e contro il giocatore che desidera durante uno dei suoi turni, ma di nuovo, se lo usa, perderà la sua proprietà per mano del giocatore bersaglio del truffatore.

Possibilità di aumentare la difficoltà del gioco

Una volta padroneggiate le meccaniche principali del gioco di base, Moon ammette di complicare e ampliare notevolmente le sue possibilità.

Abbiamo un esempio negli obiettivi speciali delle carte e che chiamiamo BUG. Queste sono le carte che vengono piazzate sul mazzo di carte bersaglio ma non è necessario farci nulla. Occupano solo un posto nella nostra fila di carte bersaglio, quindi se ne pesciamo uno, stiamo già perdendo un posto in quella fila che ricordiamo che non dovremmo lasciare che raggiunga la posizione 5 con un obiettivo irrisolto.

Le carte Evento complicano il gioco ma espandono anche le sue possibilità in modalità competitiva o quando il "solitario" è controllato

A livello facile o iniziale, nessuna di queste carte verrebbe piazzata, quindi il giocatore avrebbe sempre cinque spazi per le carte bersaglio irrisolte. Puoi anche iniziare il gioco con solo sei carte operazione, la più semplice, e successivamente, con il meccanismo di gioco assimilato, inserire le tre più complesse. Oppure attiva alcuni bit dei registri anziché avviare tutti zero.

Altre possibilità per complicare il gioco elementare è definire un livello di energia all'inizio del turno diverso dalla modalità di gioco facile, che è 3. Possiamo ridurli a 2,5, 2 e persino 1,5 unità di energia per turno. È il livello di hacker non adatto a tutti gli utenti.

Possiamo anche variare il gioco aggiungendo altri due bit per registro (in questo caso devi unire due carte obiettivo per turno) o applicare abilità speciali (fondamentalmente sul costo energetico di determinate operazioni) a ciascun giocatore in modalità competitiva.

Vorremmo introdurre il massimo livello di difficoltà con le carte evento. Queste lettere modificano direttamente i record o addirittura li disabilitano.

Acquista fisico su Kickstarter o stampa in PDF

Il gioco da tavolo Moon ha una versione base che include la scatola e tutte le carte necessarie per lo sviluppo del gioco. Il suo prezzo di finanziamento collettivo è di 15 euro, ma possiamo scegliere kit incentrati sull'istruzione o sulle librerie di giocattoli, con 5, 10, 20 o anche 50 copie del gioco e dove, tranne nel caso del kit a 5 giochi, escono per 10 euro a copia.

Anche la versione che include il tabellone di gioco è molto interessante, ma in questo caso devi già pagare 40 euro. E ricorda che non è un elemento necessario per lo sviluppo del gioco, ma può essere interessante se vogliamo che il gioco sia un regalo.

Moon ha la certezza del suo arrivo sul mercato grazie agli oltre 500 sponsor che hanno già creduto nel progetto e lo hanno supportato fino a raggiungere quasi sei volte il necessario. Come in altre campagne di crowdfunding, un maggior numero di supporti significherà sbloccare miglioramenti, tra cui più operazioni e nuovi eventi che amplieranno le possibilità e la profondità di Moon.

Moon è stato sviluppato con una licenza Copyleft in modo da poter scegliere di stampare il gioco da soli a casa

Le consegne di Moon, una volta terminata la campagna su Kickstarter, inizieranno ad arrivare da dicembre 2019.

Ma come abbiamo indicato, abbiamo a che fare con un progetto CopyLeft, quindi è consentito stampare le carte gratuitamente, oltre a modificare il gioco purché nel risultato venga utilizzata la stessa licenza. Il download del PDF di base del gioco è ora disponibile sul sito web del progetto Moon en Compus, che verrà aggiornato a breve con più carte, notizie e regole estese.

Condividere none:  La Nostra Selezione Divertimento Mobile 

Articoli Interessanti

add