Il miglior cellulare Xiaomi in termini di qualità dei prezzi (2020): guida all'acquisto e al confronto

Abbiamo testato tutti i telefoni Xiaomi per trovare il meglio in termini di qualità / prezzo. Con così tanti modelli simili è difficile capire come funziona il loro catalogo, ma una volta che li abbiamo uno accanto all'altro è quando possiamo vedere dove si distingue ognuno. Questo è il nostro confronto approfondito per trovare lo Xiaomi più raccomandato.

Una recensione per aiutarti a scegliere il cellulare più adatto alle esigenze di ciascun utente, tenendo sempre conto del prezzo come fattore chiave.Dall'ultima Redmi Note alla serie Mi 10, questa è stata la nostra esperienza nel testare terminali Xiaomi per questo 2020.

Ed è che nonostante la differenza tra Spagna e Cina non sia mai stata così elevata, Xiaomi rimane uno dei marchi più competitivi. Qui ti offriamo una nuova guida allo shopping e un confronto con i migliori telefoni Xiaomi in relazione a qualità / prezzo. Speriamo che ti aiuti a decidere quale smartphone acquistare.

Il nostro consigliato: Xiaomi Mi Note 10

Il Mi Note 10 è il miglior Xiaomi in termini di qualità / prezzo. Siamo di fronte a uno smartphone Android che offre tutto ciò che possiamo chiedere a un cellulare economico e si distingue in due sezioni essenziali: autonomia e fotografia. Fino ad oggi, Xiaomi aveva eccelso in una fascia di prezzo più bassa, ma con questo Mi Note 10 riteniamo che valga la pena scommettere su di esso e quindi ottenere un'esperienza degna della fascia alta a un prezzo di fascia media. Forse il miglior esempio di cosa significhi una "fascia media premium".

Si distingue per il suo schermo AMOLED da 6,47 pollici e una piccola "tacca" sotto forma di una goccia d'acqua. Pur non incorporando un buco nello schermo, siamo di fronte a uno dei telefoni Xiaomi più gestibili, con dimensioni contenute e un'eccellente sensazione della mano. Il lavoro di compattazione del Mi Note 10 è il migliore della casa, essendo inferiore in peso e dimensioni rispetto ad altri modelli come Poco F2 pro e offrendo una batteria da 5.260 mAh.

Perché l'autonomia di questo Mi Note 10 è semplicemente brutale. Xiaomi ha migliorato molto la batteria dei suoi cellulari, ma con le sue oltre 11 ore di schermo, il Mi Note 10 prende la torta e supera chiaramente il resto. Una vera bomba.

All'interno troviamo un processore Snapdragon 730G che si comporta molto bene per tutti i tipi di attività. Non ha la stessa potenza di altri modelli, ma non si riscalda e nella nostra esperienza crediamo che questa prestazione extra non sia così carente. Con 6 GB e 128 GB, il Mi Note 10 sarà pienamente conforme a meno che non vogliamo giocare agli ultimi titoli sul mercato.

"Grande design, autonomia semplicemente insuperabile e una sezione fotografica di gamma superiore. Se stai cercando il miglior rapporto qualità / prezzo in Xiaomi, la nostra scommessa è questa Mi Note 10. Eccezionale al suo prezzo attuale."

Ma è la sezione fotografica che ci ha portato a collocare questo Mi Note 10 in cima a quelli consigliati. Ed è che stiamo affrontando una fotocamera molto completa su un cellulare di meno di 400 euro. Non è la migliore fotocamera di Xiaomi, che è riservata al suo fiore all'occhiello, ma sicuramente la posizioneremmo accanto al Poco F2 Pro. Non è 108 megapixel, non è che ha 5 fotocamere, non è il suo frontale da 32 megapixel e nemmeno lo zoom. È la combinazione e la versatilità che ci ha convinto. Una fotocamera luminosa e molto dettagliata molto insolita in questa fascia di prezzo.

Xiaomi Mi Note 10 rappresenta perfettamente il passo in avanti che l'azienda ha compiuto quest'anno e ciò che può abbassare di prezzo in breve tempo. Un cellulare che offre un buon design, un'autonomia imbattibile, prestazioni corrette e una fotocamera davanti a ciò che le alternative offrono per il suo prezzo. Ora che è diminuito rispetto al lancio, offre un rapporto qualità / prezzo enorme ed è il cellulare Xiaomi che consigliamo di più in questi giorni. Puoi acquistare lo Xiaomi Mi Note 10 per 389 euro o la sua versione Lite per 329 euro.

Xiaomi Mi Note 10 Smatphone 6 GB RAM + 128 GB ROM, schermo curvo 3D da 6,47 ", NFC multifunzione, fotocamera posteriore AI Penta da 108 MP, versione globale, nero

Oggi su Amazon per € 382,97

Alternativa: Redmi Note 9 Pro

Il Redmi Note 9 Pro ha tutti gli ingredienti per diventare di nuovo il best seller di Xiaomi. Siamo di fronte a un cellulare che soddisfa molto bene ciò che rappresenta il produttore cinese. Uno smartphone con un design accurato, uno schermo di alta qualità e un design compatto e accattivante. È appena stato presentato e può già essere ottenuto per meno di 250 euro.

Offre un rapporto qualità / prezzo eccezionale in tutte le sezioni, ma ha anche margini di miglioramento. Nel corso delle settimane vedremo offerte migliori. Un'alternativa è la Redmi Note 9S, molto simile e con un prezzo molto competitivo in questi giorni. Ma il modello Pro è lo Xiaomi che dovremmo guardare.

Lo Snapdragon 720G è un processore che funziona bene, meglio di quanto indicano i benchmark. Abbiamo un'impressionante batteria da 5.020 mAh e una ricarica rapida di 30 W. Quest'ultimo è un punto in cui, quando ci si abitua, è difficile tornare indietro.

Abbiamo NFC, un lettore di impronte digitali laterale che funziona molto velocemente, radio FM e aggiornato ad Android 10. Ma se questo Redmi Note 9 Pro si distingue per qualcosa, è per i componenti. Mettiamo lo schermo; Il miglior pannello IPS di Xiaomi. Davanti al modello Note 9S, anche se inizialmente pensavamo che fosse lo stesso.

Infine c'è la fotocamera, con un sensore principale da 64 megapixel che offre luminosità e un livello di dettaglio chiaramente superiore a quello del Redmi Note 9S o del Redmi Note 8 Pro. Per molti, la fotocamera è un aspetto importante. Con questo Redmi Note 9 Pro abbiamo un livello fotografico di riferimento nella sua fascia di prezzo.

Se stai cercando un telefono Xiaomi di fascia media con un buon design, schermo, prestazioni, batteria e fotocamera, questo Redmi Note 9 Pro è il modello più bilanciato e pronto a durare per diversi anni. Un cellulare che insieme a una buona offerta è sicuramente la scommessa più sicura. Puoi acquistare lo Xiaomi Redmi Note 9 per 249 euro.

Xiaomi Redmi Note 9 Pro Smartphone - 6GB 64GB 6.67 "DotDisplay 64MP AI Quad Camera 5020mAh (typ) * NFC White [Versione globale]

Oggi su Amazon per 248,99 €

Come scegliere un buon cellulare Xiaomi

Per decidere a quale Xiaomi mobile siamo interessati, dobbiamo prima prendere in considerazione una serie di caratteristiche. Perché sebbene alcuni modelli siano altamente raccomandati, non tutti gli utenti apprezzano gli stessi aspetti. Come sapremo se lo Xiaomi che stiamo guardando si adatta a ciò di cui abbiamo bisogno? La nostra intenzione con questa guida comparativa è di aiutarti a conoscere i punti di forza e di debolezza.

Oltre ai seguenti punti, ti consigliamo anche di leggere l'analisi del cellulare che stiamo guardando con calma per scoprire maggiori dettagli. Questi sono gli aspetti chiave per scegliere correttamente il telefono Xiaomi più adatto alle tue esigenze.

  • Design e schermo: vetro e curve sono stati imposti sui telefoni Xiaomi di quest'anno, ma non tutti sono ugualmente grandi. Si consiglia di optare per quelli con un buco nello schermo o fotocamera rimovibile. Una raccomandazione non meno importante è quella di scegliere un colore che ti piace, in molte occasioni farà la differenza.

  • Potenza e memoria: il processore e la RAM sono un fattore chiave, ma c'è sempre meno impatto nella scelta dell'una o dell'altra configurazione. È essenziale avere almeno 4 GB. Nel processore raccomandiamo di essere estremisti: o andiamo all'ultimo Snapdragon 865 di Qualcomm o direttamente non guardiamo se si tratta di un 765G, un 730G o un Helio G90T.

  • Archiviazione: la microSD è scomparsa in molti modelli Xiaomi, quindi è consigliabile optare per un'archiviazione generosa. Quest'anno, la nostra raccomandazione è di scommettere sul modello da 128 GB. Nonostante possa costare un po 'di più, riteniamo che la differenza di prezzo sia conveniente e tenda ad essere redditizia per la vita del terminal.

  • Autonomia: la batteria è un altro fattore importante, ma per fortuna anche i modelli più economici offrono risultati molto buoni. In effetti, molte volte più potente è un modello, maggiore è la batteria che consuma. Qui ti consigliamo di guardare altri dettagli come la ricarica veloce o wireless, ma senza l'equilibrio in calo, poiché in generale Xiaomi approva l'autonomia dei loro cellulari.

  • Qualità fotografica: è la principale differenza tra i diversi Xiaomi e ciò che determina maggiormente il prezzo. I nuovi modelli hanno migliorato la loro elaborazione, offrendo più luce. E la differenza in megapixel è solitamente correlata a un salto di qualità. Raccomandiamo di dare valore alla fotocamera, perché è ciò che sarà obsoleto se non investiamo un po '.

  • 5G e sistema operativo: a livello di sistema operativo, il minimo consigliato è Android 10 e MIUI 11, anche se molti modelli saranno presto aggiornati. Quest'anno Xiaomi offre più cellulari 5G, anche se la nostra impressione generale è che è ancora presto e che i terminali con questa connettività sono solitamente accompagnati da un prezzo più elevato. A meno che non sia un prodotto di fascia alta o il modello adatto a quello che stai cercando, il cellulare senza 5G avrà prevedibilmente una migliore qualità / prezzo.

  • Prezzo: i telefoni Xiaomi cambiano molto nel prezzo e si muovono in gamme simili. La raccomandazione è di approfittare dell'offerta e confrontare i prezzi. Ad eccezione dell'ammiraglia, consigliamo di non superare la barriera di 400 euro.

Su cosa si basano i nostri test

Le raccomandazioni contenute nelle nostre guide all'acquisto si basano su esperienze precedenti, frutto di numerosi anni di test e analisi di tutti i tipi di dispositivi tecnologici. Per questa nuova guida comparativa all'acquisto, abbiamo fatto affidamento sugli ultimi nove modelli del marchio, che stiamo testando da diverse settimane. In questo caso, personalmente sono stato anche responsabile delle guide Xiaomi per gli anni precedenti, quindi ho abbastanza esperienza con i modelli di questa azienda.

I dispositivi scelti appartengono alle gamme Redmi Note 9, Mi 10 e Mi Note 10, le linee principali che compongono il catalogo Xiaomi. In particolare abbiamo con noi Xiaomi Mi 10, Mi 10 Lite 5G, Mi 9T Pro, Poco F2 Pro, Xiaomi Mi Note 10, Redmi Note 9 Pro, Redmi Note 8 Pro, Redmi Note 9S e Redmi Note 9. Inoltre Di questi modelli nominati, abbiamo anche tenuto conto delle caratteristiche dei nuovi Xiaomi Mi Note 10 Lite e Redmi 9, nonché di altri modelli specifici come quelli della serie Mi Mix, Mi A3 o Mi 9.

Per effettuare questo confronto abbiamo lanciato tutti i dispositivi con le applicazioni che siamo maggiormente abituati a fare per l'analisi, dai diversi social network ai vari giochi, inclusi alcuni strumenti come i benchmark. Con ognuno di essi abbiamo trascorso almeno un giorno di intenso utilizzo, ma di solito abbiamo scambiato telefoni cellulari e li abbiamo confrontati in condizioni equivalenti. In alcuni modelli come i più consigliati, li abbiamo utilizzati di più per essere sicuri dell'esperienza. In altri abbiamo scelto di essere guidati dall'esperienza di un'analisi individuale approfondita. Dopo diverse settimane vissute con loro, posso già condividere la mia esperienza con te.

Lo schema di questa guida comparativa è stato simile a una recensione mobile tradizionale. Li abbiamo confrontati a livello di design, abbiamo testato tutti i loro schermi in diverse condizioni di luce, li abbiamo testati in un modo simile per analizzare l'uso della batteria e li abbiamo portati nello zaino per scattare foto in condizioni simili. Dopo diversi anni usando i telefoni Xiaomi, questa guida comparativa mi ha aiutato ad apprezzare le grandi differenze che esistono da un modello all'altro.

Tabella delle specifiche tecniche

Xiaomi Mi 10

Little F2 Pro

Xiaomi Mi Note 10

Xiaomi Mi 9T Pro

Xiaomi Mi 10 Lite 5G

Redmi Note 9 Pro

Redmi Note 8 Pro

Redmi Note 9S

Redmi Note 9

Dimensioni e peso

162,5 x 74,8 x 9 mm
208 g

163,3 x 75,4 x 8,9 mm
219 g

157,8 x 74,2 x 9,7 mm
208 g

156,7 x 74,3 x 8,8 mm
191 g

163,7 x 74,8 x 7,9 mm
192 g

165,8 x 76,7 x 8,8 mm
209 g

161,4 x 76,4 x 8,8 mm
200 g

165,8 x 76,7 x 8,8 mm
209 g

162,3 x 77,2 x 8,9 mm
199 g

schermo

6.67 "AMOLED
FullHD +, 19.5: 9, 90 Hz

6.67 "AMOLED
FullHD +, 20: 9

6.47 "AMOLED
FullHD +, 19.5: 9

6.39 "AMOLED FullHD +, 19.5: 9

6.57 "AMOLED FullHD +, 20: 9

6.67 "IPS FullHD +, 20: 9

6.53 "IPS FullHD +, 19.5: 9

6.67 "IPS FullHD +, 20: 9

6.53 "IPS FullHD +, 19.5: 9

Processore

Snapdragon 865

Snapdragon 865

Snapdragon 730G

Snapdragon 855

Snapdragon 765G

Snapdragon 720G

MediaTek Helio G90T

Snapdragon 720G

MediaTek Helio G85

Memoria e archiviazione

LPDDR5 da 8 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

6 GB
128 GB

4GB
128 GB

Telecamere posteriori

108 MP
13 MP
2 MP
2 MP

64 MP
13 MP
5 MP
2 MP

108 MP
20 MP
12 MP
8 MP
2 MP

48 MP
13 MP
8 MP

48 MP
8 MP
2 MP
2 MP

64 MP
8 MP
5 MP
2 MP

64 MP
8 MP
2 MP
2 MP

48 MP
8 MP
5 MP
2 MP

48 MP
8 MP
5 MP
2 MP

Fotocamera frontale

20 MP, f / 2.0

20 MP, f / 2.2

32 MP, f / 2.0

20 MP, f / 2.2

16 MP, f / 2.5

16 MP, f / 2.5

20 MP, f / 2.0

16 MP, f / 2.5

13 MP, f / 2.3

Batteria

4.780 mAh (30 W)

4.700 mAh (30 W)

5.260 mAh (30 W)

4.000 mAh (27 W)

4.160 mAh (20 W)

5.020 mAh (30 W)

4.500 mAh (18 W)

5.020 mAh (18 W)

5.020 mAh (18 W)

Altri

Lettore di impronte digitali sotto lo schermo
USB C, BT 5.1, WiFi 6, NFC, infrarossi, 5G

Lettore di impronte digitali sotto lo schermo
5G, USB C, BT 5.1, WiFi 6, NFC, infrarossi, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali sotto lo schermo
USB C, BT 5.0, WiFi 5, NFC, infrarossi, radio FM, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali sotto lo schermo
LTE, USB C, BT 5.0, WiFi 5, NFC, radioFM, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali sotto lo schermo
5G, USB C, BT 5.0, WiFi 5, NFC, infrarossi, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali laterale
LTE, USB C, BT 5.0, WiFi 5, NFC, infrarossi, radio FM, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali posteriore
LTE, USB C, BT 5.0, WiFi 5, NFC, infrarossi, radio FM, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali laterale
LTE, USB C, BT 5.0, WiFi 5, infrarossi, radio FM, jack da 3,5 mm

Lettore di impronte digitali posteriore
LTE, USB C, BT 5.0, WiFi 5, infrarossi, radio FM, jack da 3,5 mm

Prezzo

699 euro

499 euro

399 euro

399 euro

329 euro

249 euro

239 euro

239 euro

179 euro

Design: differenziando cellulari sempre più simili

Commentiamo da un paio d'anni che i cellulari sono sempre più simili, ma questo 2020 ha raggiunto un nuovo punto. Ci sono lievi differenze di spessore, peso e costruzione, ma fondamentalmente iniziano tutti dallo stesso design. Una somiglianza che non è solo nelle dimensioni, ma anche nelle finiture e nell'aspetto della quarta di copertina.

Nonostante abbia impiegato diverse settimane con loro, ho ancora problemi a differenziarli. È normale, dal momento che Redmi Note 9 Pro e Redmi Note 9S sono praticamente identici. Lo stesso vale per il Redmi Note 9, sebbene in questo modello il foro sullo schermo sia nell'angolo e il lettore di impronte digitali sia posizionato sotto la fotocamera. Oltre a ciò, entrambi i frame, le curve e i materiali sono gli stessi. Non troppo diversi nella parte posteriore sono il Mi Note 10 o Mi Lite 10.

La serie Redmi Note è cresciuta di dimensioni rispetto allo scorso anno, ma i diversi modelli sono molto simili.

Xiaomi abbraccia lo stesso materiale per tutti i modelli, con finiture e una sensazione della mano molto simile. Alcuni modelli come il Redmi Note 9 incorporano un bordo in plastica, mentre altri come il Mi 10 o Poco F2 Pro sono realizzati in metallo. In ogni caso, sono presenti curve ai lati e la finitura posteriore riflettente e metallica si ripete. Nessuno di loro viene salvato dalle tracce.

Xiaomi di solito ripete le stesse proporzioni in termini di dimensioni, peso, spessore e batteria, con eccezioni onorevoli come il vecchio Mi 9 SE che rimane da aggiornare. L'aiuto per migliorare la manovrabilità è sullo schermo con un formato 20: 9, più allungato e che consente una presa migliore.

A prima vista, tutti i telefoni sembrano simili. Ma quando li mettiamo vicini, ci sono alcune differenze come il Poco F2 Pro con il Mi Note 10. Quest'ultimo offre una dimensione più compatta perché è più spesso e lo schermo è curvo. Non siamo particolarmente sostenitori degli schermi curvi, ma questa volta ci consente di avere un cellulare più gestibile.

La differenza di dimensione tra Mi Note 10 (a sinistra) e Poco F2 Pro (a destra) è evidente.

Se osserviamo la tabella comparativa di dimensioni e pesi, vediamo come la maggior parte di essi supera i 6,5 pollici. Detto questo, raccomandiamo che la dimensione del cellulare non sia un fattore da prendere in considerazione, poiché la differenza nella pratica tra tutti loro è minima.

Il mio 10

Little F2 Pro

La mia nota 10

My 10 Lite

My 9T Pro

Redmi Note 9 Pro

Redmi Note 8 Pro

Redmi Note 9

schermo

6,67

6,67

6,47

6,57

6,39

6,67

6,53

6,53

Fotocamera frontale

Buco

removibile

Tacca

Tacca

removibile

Buco

Tacca

Buco

Rapporto

89,8%

87,2%

87,8%

85,1%

86,1%

84,5%

84,9%

83,5%

Altezza (mm)

162,5

163,3

157,8

163,7

156,7

165,8

161,4

162,3

Larghezza (mm)

74,8

75,4

74,2

74,8

74,3

76,7

76,4

77,2

Spessore (mm)

9,0

8,9

9,7

7,9

8,8

8,8

8,8

8,9

Peso (g)

208

219

208

192

191

209

200

199

Batteria (mAh)

4.780

4.700

5.260

4.160

4.000

5.020

4.500

5.020

Offrire più batteria di solito è sinonimo di peso maggiore. Compensa avere meno autonomia per ottenere un cellulare più leggero? In pratica crediamo di no, a meno che non otteniamo un cellulare inferiore a 170 grammi. Qualcosa che Xiaomi non ha trovato.

I telefoni Xiaomi stanno diventando più grandi a causa dell'aumento della batteria, ma possiamo trovare eccezioni come il Mi Note 10 che scelgono di aumentare leggermente lo spessore per essere più compatti.

In che modo differiscono l'uno dall'altro a livello di progettazione? I Redmi Note 9 sono molto simili, con un modulo telecamera quadrato nella parte centrale. Forse non è il più estetico, ma è abbastanza pratico poiché non fa ballare il cellulare. Poco F2 Pro opta anche per un modulo centrale, sebbene di forma circolare. Un'altra opzione è quella del Mi 10 o del Mi Note 10, con una barra verticale nell'angolo in alto a sinistra e il flash all'esterno.Finalmente abbiamo l'opzione del Mi 10 Lite 5G, con il modulo fotocamera rettangolare nell'angolo. Esteticamente quest'ultimo è quello che mi sembra più bello. Sia il Mi Note 10 che il Mi 10 sono inclinati quando li appoggiamo sul tavolo.

A livello di design, ci manca che Xiaomi continui a non offrire resistenza all'acqua e alla polvere sui suoi terminali. È un'aggiunta che darebbe un vantaggio al marchio e speriamo di vederlo nei prossimi anni.

Se andiamo nella gamma medio-alta, vediamo una maggiore varietà di design. La serie Mi Note è impegnata in una dimensione più compatta e un po 'più spessa, mentre Mi 10 e Poco sono più grandi.

Il posizionamento degli elementi e delle porte è simile. Hanno tutti il ​​pulsante del volume alla stessa altezza, nell'area giusta. Sotto, tutti incorporano il pulsante on / off. La finitura dei pulsanti è la stessa, sia nella gamma bassa che in quella alta. Tuttavia, in Redmi Note 9 Pro e Note 9S abbiamo un lettore di impronte digitali laterale.

Nella parte superiore abbiamo l'infrarosso e il LED di notifica, che Xiaomi introduce furtivamente. Ad eccezione del Mi 10 e del suo suono magistrale, nessuno degli Xiaomi offre altoparlanti stereo e in generale il livello del suono è piuttosto basso. Solo il Poco F2 Pro e il Mi 10 Lite incorporano il jack da 3,5 mm nella parte superiore, ma è sorprendente che tutti gli Xiaomi arrivino con il jack da 3,5 mm, ad eccezione del Mi 10. Proprio quello che ha il miglior suono .

I due modelli forniti con il jack da 3,5 mm in alto, insieme al Mi 10, hanno lo slot SIM sul fondo. Il resto dei modelli lo incorpora sul lato. Tranne questo, il bordo sinistro di tutti i modelli è completamente liscio. Nella parte inferiore abbiamo la porta USB di tipo C e il microfono con cancellazione del rumore.

Mentre negli anni precedenti avevamo raccomandato lettori fisici di impronte digitali, ora dobbiamo dire che abbiamo avuto una buona esperienza con i lettori di impronte digitali integrati. Esistono diversi modelli con uno di essi, come Mi Note 10, Mi 9T Pro o Mi 10 Lite.

L'ultimo fattore da considerare nel design è il colore. Abbiamo avuto dagli smartphone in nero a quelli con toni verdastri come il Mi 10. La più bella è la finitura blu del Poco F2 Pro, molto sorprendente e con dettagli come il pulsante di accensione in rosso. Se puoi scegliere, ti consigliamo di scegliere uno dei gradienti offerti dall'azienda. Forniscono un tocco vivace e sorprendente senza perdere la sobrietà.

Display: l'importanza della luminosità

A livello di calibrazione e colore, il livello nella maggior parte dei telefoni Xiaomi è abbastanza uniforme.

Gli schermi Xiaomi possono essere divisi in due tipi: IPS e AMOLED. Il primo che troveremo nei modelli di fascia media e più economico, mentre nei modelli superiori sembra che preveda la tecnologia AMOLED, con i suoi vantaggi e svantaggi. Come miglior rappresentante dell'IPS abbiamo il Redmi Note 9 Pro, mentre il miglior pannello appartiene, ovviamente, al Mi 10.

Un'altra differenza tra loro è nella soluzione per la fotocamera frontale. Qui non sembra ancora esserci un'idea chiara, alcuni puntano sulla buca dello schermo, altri per la 'tacca' e altri per uno schermo intero, con la fotocamera rimovibile. Quest'ultima è la soluzione Poco F2 Pro e al momento è quella che ci convince di più, anche se il rapporto dello schermo ha raggiunto un punto in cui anche i cellulari più convenienti potrebbero già essere considerati "tutto schermo".

Dove non ci sono cambiamenti tra loro è in risoluzione. Xiaomi è impegnata in FullHD + in tutti i suoi modelli. Per quanto riguarda la frequenza di aggiornamento, solo il Mi 10 aggiunge 90 Hz. Un'aggiunta che sarebbe stata interessante vedere in altri modelli come il Poco F2 Pro.

Il livello di luminosità della serie Redmi (sopra) è un gradino sotto il resto. Tra i migliori, spicca il Poco F2 Pro (sotto).

La possibilità di confrontare tutti gli Xiaomi ci ha anche permesso di apprezzare le differenze tra i pannelli di ciascun modello. E la verità è che è il più importante e difficile da prevedere attraverso le specifiche.

Al primo posto c'è il pannello del Redmi Note 9. Un IPS corretto, ma che all'aperto soffre anche alla massima luminosità. Per la maggior parte del tempo, anche con questo schermo avremo più che sufficiente, ma nelle condizioni più difficili è quando inizia a rallentare.

Seguono i pannelli IPS di Redmi Note 9 Pro, Note 9S e Note 8 Pro. Dei tre, ci rimane il primo. Ha un buon livello di luminosità ed è meglio calibrato. In confronto, Redmi Note 9S vacilla agli angoli di visione e Redmi Note 8 Pro ha un tocco abbastanza caldo.

Con Mi 10 Lite, Mi 9T Pro e il resto della gamma media della serie Mi troviamo pannelli AMOLED. Il livello di luminosità è comparabile, ma il contrasto è molto migliore. Questa modifica alla tecnologia AMOLED consente di aggiungere la funzione di visualizzazione sempre attiva.

Tra i pannelli AMOLED abbiamo diverse categorie. Da un lato ci sono quelli di Mi Note 10, Mi 9T Pro o Mi 10 Lite, che offrono un buon risultato ma hanno un significativo degrado del colore con gli angoli di visione. Tra questi, avremmo portato avanti il ​​pannello del Mi 10 Lite, che sembra meglio calibrato e con tocchi meno caldi. Quindi, un altro passo avanti è il pannello Poco F2 Pro, con un livello di luminosità massimo molto elevato sebbene con una calibrazione simile. Infine c'è il pannello del Mi 10, con la migliore rappresentazione del colore e un ulteriore passo in fluidità. Una notevole differenza che giustifica in qualche modo il salto di prezzo.

I pannelli AMOLED di Xiaomi sono un passo avanti rispetto a IPS. Tra questi, la differenza è una calibrazione più accurata e migliori angoli di visione. A livello di luminosità, il risultato è abbastanza uniforme, con alcune eccezioni come il Poco F2 Pro.

Riteniamo che i pannelli AMOLED siano l'opzione da scegliere, ma Xiaomi ha molto spazio per miglioramenti a questo punto. La nuova gamma media che arriverà quest'anno dovrebbe offrire un risultato più convincente.

Prestazioni: quale Xiaomi mobile è più veloce?

Una delle caratteristiche per cui Xiaomi ha raggiunto la sua popolarità è quella di offrire processori veloci a prezzi molto competitivi. La tendenza continua, ma vediamo che l'azienda valorizza sempre di più anche altri aspetti.

Vale la pena pagare molto di più per avere un processore migliore? Questo 2020 troviamo da alcuni chipset MediaTek come quelli della serie Redmi Note 9 al potente Snapdragon 865. Ad un punto intermedio si trovano lo Snapdragon 730G e lo Snapdragon 765G, quest'ultimo che offre la possibilità di connettività 5G. In pratica, il risultato della prestazione è abbastanza simile.

Diamo prima un'idea di ciò che abbiamo. Qui ti lasciamo una tabella comparativa con i chip e le configurazioni di memoria RAM con cui arrivano alcuni degli ultimi dispositivi Xiaomi. Abbiamo un primo livello con Redmi, un secondo livello in cui andiamo al Mi Note 10 e al Mi 10 Lite, un terzo livello che include modelli più avanzati come il Mi 9T Pro e infine uno spazio riservato al Poco F2 e al Mi 10, centrato nell'offrire la massima potenza.

Il mio 10

Little F2 Pro

My 9T Pro

My 10 Lite

La mia nota 10

Redmi Note 9 Pro

Redmi Note 8 Pro

Redmi Note 9

Processore

Snapdragon 865

Snapdragon 865

Snapdragon 855

Snapdragon 765G

Snapdragon 730G

Snapdragon 720G

Elio G90T

Elio G85

GPU

Adreno 650

Adreno 650

Adreno 640

Adreno 620

Adreno 618

Adreno 618

Mali-G76

Mali-G52

RAM

LPDDR5 da 8 GB

6 GB

6 GB

6 GB

6 GB

6 GB

6 GB

4GB

Connettività

5G

5G

LTE

5G

LTE

LTE

LTE

LTE

Per verificare la potenza di ciascun modello, qui ti lasciamo i risultati di PcMark Work 2.0 e Geekbench, due dei benchmark più popolari e che da Xataka di solito passiamo in tutti i terminali che analizziamo.

In PCMark puoi vedere come i chipset Qualcomm offrono prestazioni molto simili, ma i risultati di MediaTek con il loro Helio spiccano, qualcosa che in pratica non viene notato. Vale la pena evidenziare il salto tra Poco F2 Pro e Mi 10, dove pur avendo lo stesso chipset offrono risultati molto diversi.

In termini di prestazioni da praticare ci sono due livelli: l'ultimo chip Qualcomm e il resto.

Il grafico di Geekbench è più sfalsato e riteniamo che rifletta meglio la differenza a livello di esperienza che abbiamo riscontrato. Ed è che in generale, la differenza tra l'utilizzo di un Mi 9T Pro o un Redmi Note 9 Pro non è molto, sebbene abbia aiutato quest'ultimo a invecchiare molto meglio. La differenza tra una serie di processori e un'altra è evidente, ma ad eccezione dei giochi non crediamo che servano a giustificare l'aumento del prezzo.

La nostra raccomandazione è di decidere se si desidera ottenere la massima potenza. Se sì, l'ideale è scegliere l'ultimo processore Qualcomm. Altrimenti, il nostro consiglio è che il chipset non è un fattore decisivo per l'acquisto del terminale.

GIF

Per scegliere correttamente un cellulare Xiaomi, devi anche tenere conto della sua RAM e della sua configurazione di archiviazione. Forse questa è la scelta più importante e, a seconda del prezzo dell'offerta, vale la pena scommettere sull'una o sull'altra opzione.

La nostra raccomandazione è che nel 2020 almeno scommetti su 64 GB di spazio di archiviazione, 128 GB sono altamente raccomandati. I modelli da 64 GB hanno prezzi più ragionevoli, ma forse tra qualche anno saranno brevi perché le applicazioni richiedono sempre di più e non ti permetteranno di goderti il ​​tuo dispositivo tanto. La differenza di prezzo è anche sempre meno tra una capacità e l'altra.

Qualcosa di simile accade con la memoria RAM. Oggi e dopo aver testato i modelli con 4 GB dobbiamo dire che funzionano correttamente, tuttavia l'esperienza ci dice che nel tempo la RAM è di solito un altro fattore limitante, più in un marchio come Xiaomi che utilizza un livello così esigente come MIUI. Pertanto, consigliamo almeno l'acquisto di un cellulare con 6 GB di RAM.

Software: abituarsi a MIUI

MIUI è il livello di personalizzazione di Xiaomi ed è disponibile in tutti i cellulari dell'azienda, con eccezioni come quelle della serie Mi A con Android One, che quest'anno non ha ancora presentato il suo nuovo modello.

I modelli che abbiamo incorporato in questo confronto arrivano aggiornati ad Android 10 e MIUI 11. Le prestazioni di questa versione sono buone e il numero di opzioni MIUI è molto elevato. Anche se dobbiamo commentare che in questi giorni abbiamo ricevuto più aggiornamenti. Contrariamente ad altre occasioni, abbiamo percepito un po 'più di ritardo di quanto ci aspettassimo. Non sappiamo se è il risultato di una prima versione del software o se MIUI deve ottimizzare il suo software.

Ma il software Xiaomi cambierà presto, poiché MIUI 12 sta iniziando ad arrivare. Con una nuova modalità oscura, l'interfaccia cambia e un nuovo motore per le animazioni. Dei primi modelli da aggiornare abbiamo il Mi 9T Pro. Per il resto dovremo aspettare la seconda ondata, che si tratti del Mi 10 o del Redmi Note 9. Essendo un aggiornamento recente, tutti i nuovi modelli lo riceveranno.

Anche l'arrivo di Android 11 è in attesa, con Xiaomi Mi 10 e Mi 10 Pro gli unici già in beta. Presto arriverà anche al Poco F2 Pro, che anticipa che sarà uno dei modelli che dovrebbero ricevere prima la nuova versione di Android.

Poco F2 Pro differisce leggermente dall'uso del Poco Launcher. D'altra parte, il software della serie Redmi è uguale a quello del Mi Phone, tranne in quelle sezioni collegate all'hardware di ciascun modello.

Un dettaglio che abbiamo notato nel nuovo Redmi Note 9 o Mi 10 Lite per quanto riguarda il Mi Note 10 o il Redmi Note 9 Pro è che i nuovi telefoni Xiaomi sono dotati di Google Discover preconfigurato, mentre il primo offriva il proprio servizio di Xiaomi. In un mercato in cui Huawei ha problemi, Xiaomi ha rafforzato il suo rapporto con Google.

Confronto fotografico

Abbiamo testato le diverse fotocamere per vedere come si è evoluta la fotografia dei telefoni Xiaomi. In tutti i modelli, la febbre dei megapixel e il numero di telecamere hanno preso piede. Troviamo dal sensore da 48 megapixel del Redmi Note 9, dal sensore da 64 MP del Redmi Note 9 Pro o dall'enorme sensore del Mi Note 10 con 108 megapixel. Nonostante condividiamo molte funzionalità, abbiamo visto come i risultati non siano sempre gli stessi.

Vi lasciamo la tabella comparativa delle caratteristiche di alcune fotocamere Xiaomi. Quest'anno vengono incorporati sensori per grandangolo, profondità, macro e teleobiettivo, quest'ultimo per il momento riservato a pochi modelli. Per quanto riguarda la parte anteriore, le opzioni sono molto simili e il Mi Note 10 si distingue soprattutto con il suo sensore da 32 megapixel, che abbiamo già visto in modelli più vecchi come il Mi A3.

Xiaomi Mi 10

Little F2 Pro

Xiaomi Mi Note 10

Xiaomi Mi 10 Lite 5G

Redmi Note 9 Pro

Redmi Note 9S

Redmi Note 9

Principale

108 MP, f / 1.7

64 MP, f / 1.9

108 MP, f / 1.7

48 MP, f / 1.8

64 MP, f / 1.9

48 MP, f / 1.8

48 MP, f / 1.8

Angolo ampio

13 MP, f / 2.4, 12mm

13 MP, f / 2.4, 123º

20 MP, f / 2.2, 13mm

8 MP, f / 2.2, 15mm

8MP, f / 2.2, 13mm

8 MP, f / 2.2, 119º

8 MP, f / 2.2, 118º

Teleobiettivo

--

5 MP, f / 2.2, 50mm

12 MP, f / 2.0, 50mm, 2x
8 MP, f / 2.0, OIS, 3.7x

--

--

--

--

Profondità

2 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

--

2 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

macro

2 MP, f / 2.4

--

2 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

5 MP, f / 2.4

5 MP, f / 2.4

2 MP, f / 2.4

Frontale

20 MP, f / 2.0

20 MP, f / 2.2

32 MP, f / 2.0

16 MP, f / 2.5

16 MP, f / 2.5

16 MP, f / 2.5

13 MP, f / 2.3

L'applicazione della fotocamera MIUI è la stessa in tutti, tranne che nelle versioni più aggiornate come Poco F2 Pro o Mi 10 Lite, viene aggiunto un collegamento alla modalità macro. È una semplice applicazione con la maggior parte delle impostazioni presenti nel menu delle modalità. Passiamo a ciò che conta davvero, la qualità dell'immagine.

Qualità dell'immagine

Il livello di dettaglio del giorno è molto alto in tutti gli Xiaomi, ma proprio in questo tipo di test è dove Mi Note 10 e Mi 10 si distinguono leggermente con i loro 108 megapixel.

Il dettaglio della fotografia diurna è stato notevolmente migliorato con l'arrivo di più sensori megapixel. Qui dobbiamo tenere presente che le foto non sono fatte a 48, 64 o 108 MP, ma in una dimensione quattro volte più piccola dopo aver eseguito la tecnica del "Pixel Binning". Tuttavia, se confrontiamo i dettagli ottenuti, vediamo che il livello è molto alto. Il Mi Note 10 e il Mi 10 si distinguono in particolare, dove l'immagine ha una trama invidiabile. Sul lato opposto, la fotocamera del Redmi Note 9 offre colori meno precisi, scurisce l'immagine e la messa a fuoco non è così accurata.

Il livello generale è buono e non esiste un cellulare Xiaomi che sia un successo sul tavolo. Quello che Xiaomi fa è che lo stesso sensore che ha avuto successo lo scorso anno, ora lo colloca in nuovi modelli. Succede ad esempio con Redmi Note 8 Pro e con Redmi Note 9 Pro, telecamere con risultati praticamente identici, tranne per il fatto che abbiamo rilevato che l'IA è migliorata e le immagini sono leggermente più luminose nonostante lo stesso sensore.

Il livello di dettaglio diurno è molto buono in tutte le gamme. Il Mi 10 si distingue soprattutto per l'eccezionale gestione della luce, mentre il Mi 9T Pro offre immagini leggermente più sbiadite.

Se prendiamo il Mi 9T Pro come riferimento, vediamo che continua a offrire ottimi dettagli ma è stato superato da nuove fotocamere che offrono colori più precisi e un "pugno" di intensità.

Secondo quanto siamo stati in grado di testare, la fotocamera più semplice in questo confronto ha la Redmi Note 9. Nonostante abbia gli stessi 48MP, quella della Redmi Note 9S è notevolmente migliore. La differenza tra Samsung S5KGM1 e S5KGM2 è evidente.

Abbiamo anche visto differenze tra Redmi Note 9 Pro e Redmi Note 8 Pro. Nonostante i due modelli abbiano il Samsung Bright S5KGW1 come sensore principale, il processore del primo riteniamo abbia più successo. Per la fascia di prezzo la fotocamera del Mi 10 Lite (sensore Omnivision OV48B) dovrebbe competere qui, ma soprattutto in situazioni di scarsa illuminazione ci ha lasciato piuttosto freddi.

Di anno in anno, Xiaomi ha notevolmente migliorato l'HDR. Ottenere immagini meno bruciate e più dettagliate nel chiaroscuro.

Andiamo ai modelli più completi. Abbiamo il sensore Sony IMX586 del Mi 9T Pro e il sensore Sony IMX686, quello scelto per Poco F2 Pro e Mi Note 10 Lite. Come si confronta con Redmi Note 9 Pro? La fotocamera del Poco è superiore, specialmente quando si tratta di catturare la luce, anche se l'elaborazione del Redmi Note 9 Pro ci sembra molto buona e spesso finisce per generare foto più accurate.

Il Redmi Note 9 Pro funziona bene, ma scurisce l'immagine più del Mi 10 o Poco F2 Pro.

Nella rappresentazione dei colori, i risultati migliori sono forniti dal Samsung Bright S5KHMX. È il sensore principale del Mi 10 e del Mi Note 10. Tra i due, il Mi 10 è chiaramente all'avanguardia con un'eccellente elaborazione. Xiaomi ha ancora margini di miglioramento nella gamma dinamica se la confrontiamo con le principali ammiraglie, ma avere una fotocamera come il Mi Note 10 per meno di 400 euro è molto interessante. Contro di lui, commentando che l'attenzione non è sempre all'altezza del compito, il che consente alle foto di Redmi Note 9 Pro o Poco F2 Pro di essere più chiare a volte.

Il Mi Note 10 è quello che rappresenta al meglio il vero colore verde della stanza.

Il modo migliore per discernere le reali differenze tra le diverse telecamere è testarle in condizioni più difficili.

Qui il Mi 10 brilla. Mi Note 10 offre colori accurati e molte informazioni. Poco F2 Pro illumina la scena ma offre sfumature meno precise. Mi 9T Pro fa un buon lavoro, ma il livello di dettaglio diminuisce. Prima saremmo rimasti con il risultato del Redmi Note 9 Pro, abbastanza bilanciato e corretto. Redmi Note 8 Pro non offre molta luce. Il Mi 10 Lite sarebbe allo stesso livello e sotto abbiamo il Redmi Note 9S, dove il rumore è già chiaramente visibile. In questo test abbiamo optato per tralasciare la Redmi Note 9, che non riesce a fare una buona foto in quelle condizioni buie.

Lo Xiaomi Mi Note 10 si distingue nelle situazioni notturne, illuminando la scena e ottenendo una buona rappresentazione dei colori. Qui vediamo anche i punti deboli della fotocamera Mi 10 Lite.

A dire il vero, mi aspettavo di più dalla fotocamera del Mi 10 Lite 5G. E anche il Poco F2 Pro. In confronto, il Mi 9T Pro non è poi così lontano. Sul lato opposto, la serie Redmi Note Pro offre ancora risultati eccellenti in queste foto scattate con la modalità notturna. Sono gamme medie, ma il livello è molto alto per il loro prezzo.

Offrire buoni dettagli all'ombra degli alberi è un compito difficile e solo l'ammiraglia Xiaomi Mi 10 riesce a salvare leggermente l'area.

Nella fotografia notturna anche il Mi 10 soffre di ottenere informazioni in aree complesse come gli alberi nell'immagine precedente. Nel resto, il risultato è abbastanza simile.

Il sensore del Mi Note 10 riesce a catturare molta luce, ma la rappresentazione del Poco F2 Pro è più accurata.

In generale, oltre al Mi 10, posizioniamo il Mi Note 10 al secondo posto se cerchiamo di illuminare la scena o il Poco F2 Pro se cerchiamo la definizione. Il Redmi Note 9 Pro sarebbe l'opzione intermedia, con un risultato molto affidabile indipendentemente dalla situazione.

Angolo ampio

Incorporare cinque fotocamere come Mi Note 10 non ha senso se i sensori aggiunti sono di base. Fortunatamente, il grandangolo del Mi Note 10 fa un buon lavoro. Qui forse il Redmi Note 9 Pro fa un passo indietro, che oscura troppo la scena.

In una scena con più luce e colori vediamo che il Mi 10 non offre un grandangolo all'altezza della sua fascia di prezzo. Il Mi Note 10 ottiene il miglior risultato, ma anche il Poco F2 Pro offre un grandangolo migliore rispetto al Mi 10. Le immagini del Mi 10 sono troppo sbiadite, mentre il Poco F2 Pro ha una maggiore intensità. Redmi Note 9 Pro riesce a dare quel tocco di colore, ma lo fa a costo di sacrificare sfumature e sfumature, causando un risultato più artificiale. Oltre ad avere un'immagine più scura in generale.

Il grandangolo del Mi Note 10 (in alto a destra) fa un ottimo lavoro con ombre, cielo e varie sfumature di colore.

Nella fotografia notturna, il grandangolo del Mi Note 10 risalta di nuovo. Anche se in questo caso ci è piaciuto anche il Poco F2 Pro, che riesce a catturare abbastanza luce. Possiamo apprezzare il risultato del Redmi Note 9, molto lontano dal Redmi Note 9S.

Al momento, i telefoni Xiaomi più basilari non includono il teleobiettivo. Solo il Poco F2 Pro e il Mi Note 10, che combinano due sensori per questo, offrono rispettivamente uno zoom ottico 2x e 5x.

L'inclusione del sensore macro da 2 megapixel, che fallisce catastroficamente in tutti i modelli, non ci è sembrata rilevante. Sì, la presenza del sensore di profondità è interessante, anche se la sua presenza sembra più un problema di marketing per aumentare il numero di telecamere poiché il suo ruolo è molto specializzato.

Fotocamera frontale

Nella fotocamera frontale abbiamo anche diverse opzioni, ma qui la fascia alta non è così lontana dai modelli di base. Quando scatti i selfie, la sfocatura più naturale viene raggiunta dal Mi 10 e dal Mi 9T Pro, che con la sua fotocamera rimovibile continua a un livello molto buono. Mi Note 10 punta ancora per i megapixel, ma il risultato non è migliore del resto.

Con i selfie notiamo una grande differenza tra il Redmi Note 8 Pro e il Redmi Note 9 Pro. Al contrario, il Redmi Note 9S viene confrontato con il fratello maggiore.

Ancora una volta, il Redmi Note 9 si trova in una fase inferiore, essendo questo l'unico che non consente di applicare l'IA alla fotocamera frontale o di scegliere il grado di sfocatura.

video

La capacità di registrazione dei telefoni Xiaomi dipende in gran parte dal suo processore. Ad esempio, il Redmi Note 9 può registrare solo fino a 1080p e 30fps. Il resto dei modelli supporta fino a 4K a 30 fps e rallentatore a 960 fps in risoluzione HD. Solo i modelli con l'ultimo processore Qualcomm sono in grado di registrare con risoluzione 4K / 60fps e persino 8K. Stranamente, il Mi 10 non supporta il rallentatore a 960 fps. Ma sicuramente nei futuri aggiornamenti verrà incorporato.

Di giorno, i dettagli e la luce catturati sono buoni. Ma se osserviamo ad esempio il Redmi Note 9S vedremo che la stabilizzazione con video 4K può essere migliorata. Qualcosa che si ripete in Redmi Note 9 Pro e Mi Note 10.

Di notte si ripete lo stesso problema e l'immagine genera continuamente artefatti.

Per la fotocamera frontale, il modello vincente è il Poco F2 Pro. Con un buon livello di stabilizzazione e una buona raccolta della luce sia di giorno che di notte.

Batteria: quali modelli durano più a lungo

Finiamo il confronto con la sezione batteria. Quando cerchiamo un cellulare uno degli aspetti più importanti è la durata della sua autonomia. Fortunatamente, la maggior parte degli Xiaomi si distingue per avere una batteria eccezionale.

Durante queste settimane li abbiamo usati e abbiamo visto come si sono comportati. Qui ti lasciamo i nostri risultati con un utilizzo medio basato su social network, fotografia e un gioco occasionale. Abbiamo deciso di utilizzare le ore dello schermo come un numero abbastanza comune quando si confronta la batteria, poiché tutti gli Xiaomi hanno un consumo abbastanza simile a riposo.

Come vediamo, i nostri risultati mostrano che l'autonomia non è strettamente legata al prezzo. Ed è che in effetti abbiamo ottenuto risultati migliori con alcuni cellulari più economici, ma semplicemente dal fatto di incorporare una batteria più grande perché offrono numeri migliori.

In primo luogo, lo Xiaomi Mi Note 10 si distingue senza dubbio con le sue 11 ore di schermo, che siamo riusciti a superare in diverse occasioni. È un lusso poter usare intensamente il cellulare durante il giorno e non preoccuparsi dell'autonomia. Qui si incontrano diversi aspetti, poiché oltre ad avere 5.260 mAh, abbiamo anche un pannello un po 'più piccolo e un buon processore.

In seconda posizione troviamo la serie Redmi Note 9, con le sue batterie vicine ai 5.000 mAh. A causa dell'aumento dello schermo e delle dimensioni, abbiamo anche batterie più grandi, che fortunatamente se lo confrontiamo con l'anno scorso, dobbiamo commentare che siamo usciti vincenti. Lo dimostra con il Redmi Note 8 Pro, dove nonostante il fatto che avessimo una batteria di grandi dimensioni, è un punto dietro i nuovi modelli.

Non è lo stesso con l'eccellente Mi 9T Pro, che ha anche invecchiato bene nella durata della batteria. In effetti, in queste settimane abbiamo ottenuto risultati leggermente migliori con esso che non con il nuovo Poco F2 Pro. Quello che sembra chiaramente insufficiente è il Mi 10 Lite. È vero che nel design abbiamo un terminale più leggero, ma sembra avere un impatto diretto sull'autonomia.

Dati i risultati medi, la nostra raccomandazione è di puntare ad essere almeno sopra le 7-8 ore di schermo. Ci sono molti terminali Xiaomi che ottengono questo risultato.

Un altro fattore importante è la ricarica rapida. Xiaomi offre una ricarica rapida di 30 W nella maggior parte dei suoi modelli di fascia media, ma a causa delle batterie di grandi dimensioni ci vorranno più di due ore per caricare molti di essi. Qui crediamo che Xiaomi abbia margini di miglioramento e che altri marchi abbiano un vantaggio.

Un dettaglio: nonostante sia compatibile con la ricarica da 18 W, il Redmi Note 9S incorpora un caricabatterie da 20 W mentre il Redmi Note 8 Pro offre uno da 18 W. Per quanto riguarda la ricarica wireless, è un'aggiunta attualmente riservata alla gamma di fascia alta come Mi 10. Forse i futuri modelli aiuteranno ad espandere questa tecnologia.

Il miglior cellulare Xiaomi in termini di qualità / prezzo: i candidati

Per scegliere i candidati per il miglior cellulare Xiaomi in termini di qualità / prezzo abbiamo optato per i modelli più recenti. Nel corso degli anni abbiamo testato diversi dispositivi, ma di solito sono quelli che sono stati sul mercato per il minor tempo che sono stati utilizzati per essere l'opzione migliore. Nonostante ciò, abbiamo anche incorporato modelli degli anni precedenti che rappresentano ancora un buon acquisto.

La scelta non è stata facile. La differenza tra uno e gli altri modelli non è così grande e i prezzi variano molto. Alla fine abbiamo optato per i modelli che offrono la migliore esperienza, prendendo in considerazione tutte le sezioni e quali sono le loro prospettive future.

In primo luogo abbiamo scelto alcuni dei modelli più economici, in questo caso al di sotto di 200 euro come il Redmi Note 9 o Note 9S. In questa gamma ci sono anche altri modelli Xiaomi degli anni passati come il Mi A3, che sarebbe vicino a conoscerne il rinnovo, o il Redmi 9, recentemente presentato ma un punto sotto i candidati scelti.

In un secondo livello troviamo la gamma media della serie Redmi Note, sia il Redmi Note 9 Pro di quest'anno che il Redmi Note 8 Pro della fine del passato. In entrambi i modelli il miglioramento delle prestazioni è evidente e soprattutto nella fotocamera e i loro prezzi sono superiori a duecento euro.

Mentre saliamo di prezzo e ci avviciniamo a 300 euro è quando la lotta diventa più interessante, perché in alcuni casi ci sono cellulari più costosi come il Mi 10 Lite o il Mi 9T Pro che non superano necessariamente la fascia media in tutto Le sezioni. È in questa fascia di prezzo che ci aspettiamo di vedere più modelli Xiaomi, molti dei quali appartenenti al nuovo lotto di cellulari 5G che il marchio sta preparando.

Infine, per questa guida comparativa abbiamo scelto gli smartphone Xiaomi più completi, dal suo Mi 10 di punta ai modelli di punta come Mi Note 10 o Poco F2 Pro. Cellulari per i quali devi investire un po 'di più ma dove abbiamo visto che continuano a essere eccellenti opzioni per la sua qualità / prezzo.

Xiaomi Mi 10

Il migliore Schermo eccezionale a 90Hz con uno dei migliori altoparlanti stereo sul mercato. Peggio Alto prezzo. La fotocamera posteriore sporge troppo. Prezzo 699 euro

Xiaomi Poco F2 Pro

Il migliore Prestazioni eccezionali, design pulito e display ad alta luminosità. Peggio È qualcosa di grande e ci ha lasciato alcuni dubbi sulla batteria e sulla fotocamera. Prezzo 489 euro

Xiaomi Mi Note 10

Il migliore Grande design, autonomia semplicemente insuperabile e una sua sezione fotografica con gamme più elevate. Peggio Avrebbe montato un processore più avanzato. Prezzo 388 euro

Xiaomi Mi 9T Pro

Il migliore I componenti sono ancora eccellenti e offrono dimensioni abbastanza compatte rispetto al resto di Xiaomis. Peggio Modello abbastanza esausto. Nel design, la batteria e la fotocamera sono state lasciate indietro. Prezzo 399 euro

Xiaomi Mi 10 Lite 5G

Il migliore Compatto, buone prestazioni e connettività 5G. Peggio Batteria scarica e fotocamera irregolare. Prezzo 330 euro

Xiaomi Redmi Note 9 Pro

Il migliore Un cellulare molto completo ed equilibrato: schermo, design, fotocamera e batteria. Peggio Potremmo avere un corpo un po 'più compatto. Prezzo 249 euro

Xiaomi Redmi Note 9S

Il migliore I vantaggi e le prestazioni del Redmi Note 9 Pro a un prezzo più ragionevole. Peggio Il taglio nella sezione fotografica è evidente. Non ha NFC. Prezzo 199 euro

Xiaomi Redmi Note 8 Pro

Il migliore Grandi prestazioni, display e fotocamera per il suo prezzo. Peggio In dettagli come la tacca, il lettore di impronte digitali, la batteria o l'elaborazione delle foto, inizia a rimanere indietro rispetto alla serie Redmi Note 9. Prezzo 209 euro

Xiaomi Redmi Note 9

Il migliore Una batteria e un design eccezionali per questa fascia di prezzo. Peggio In termini di prestazioni è corretto, ma sulla fotocamera sembra troppo semplice. Prezzo 179 euro

Alcuni dei link pubblicati qui provengono da affiliati. Nonostante ciò, nessuno degli articoli citati è stato proposto da marchi o negozi, la loro introduzione è stata una decisione unica del team di redattori.

Condividere none:  La Nostra Selezione Divertimento Analisi 

Articoli Interessanti

add