La stampa 3D sarà un grande alleato per gli studenti di medicina

Quando la tecnologia è sul mercato, è di vitale importanza cercarne l'uso. La stampa 3D ha una solida base per il futuro e molti usi già presenti (ricordate quelle cartilagini impiantabili), ma altri da scoprire. I ricercatori della Monash University in Australia si sono messi al lavoro e utilizzano stampanti 3D per creare parti del corpo umano artificiale per lo studio nelle scuole di medicina.

Hanno creato ciò che chiamano Serie di anatomia stampata in 3D, un kit con parti umane realizzate con stampanti 3D che si rivolge agli studenti del corpo umano. Invece di usare membri reali, come è stata usanza per secoli, la gente della Monash University ha pensato di generare modelli tridimensionali e passarli attraverso le loro stampanti per avere un insieme di parti con lo stesso aspetto sia dentro che fuori, e Hanno anche una caratteristica importante: non si deteriorano nel tempo e non hanno bisogno di condizioni di temperatura specifiche per mantenere il loro stato.

I diversi kit sono nelle fasi finali di sviluppo e hanno in programma di metterli in vendita alla fine dell'anno, guidandoli a studiare il corpo umano a diversi livelli universitari. Per la loro elaborazione hanno scansionato le diverse parti del corpo umano che, una volta passate attraverso il computer, possono essere modificate per, ad esempio, stamparle a strati e facilitare così il loro studio, oppure utilizzare colori diversi per indicare alcune caratteristiche specifiche del loro funzionamento.

Questa soluzione risolverebbe alcuni dei problemi che le scuole di medicina di tutto il mondo devono affrontare. Senza andare oltre qualche mese fa, centinaia di cadaveri sono stati trovati ammucchiati e in cattive condizioni nella Facoltà di Medicina dell'Università Complutense di Madrid, generando gravi problemi non solo di spazio ma anche di risanamento. Se hai intenzione di studiare medicina in futuro, non escludere che i cadaveri che sementi siano dei corpi davvero artificiali creati dalla stampa 3D.

Condividere none:  Analisi La Nostra Selezione Mobile 

Articoli Interessanti

add