Huawei P40 Pro +, recensione: la stella dello zoom ottico mobile finora nel 2020

Più avversità Huawei sembra affrontare, più la sua famiglia P40 si è espansa. Ora ci sono quattro membri di questo lignaggio e nell'analisi del Huawei P40 Pro + abbiamo l'opportunità di vedere il massimo grado a cui arriva il primo round di alte gamme del produttore, il fiore all'occhiello del marchio finora quest'anno.

È una configurazione molto simile a quella dell'Huawei P40 Pro, ma con qualche "plus" (mai meglio detto) incentrato su design e fotocamere. Il potenziale protagonista: ancora una volta uno zoom "super" che sempre più rivaleggia da casa.

Scheda tecnica Huawei P40 Pro +

HUAWEI P40 PRO +

DIMENSIONI E PESO

158,2 x 72,6 x 9 mm
226 grammi

SCHERMO

OLED da 6,58 pollici
Risoluzione FullHD + (2.640 x 1.200 pixel)
90 Hz

PROCESSORE

Kirin 990
GPU Mali-G76

RAM

8 GB

ARCHIVIAZIONE INTERNA

512 GB espandibile con scheda NM

VIDEOCAMERA POSTERIORE

Sensore RYYB 50 MP, f / 1.9, (1 / 1.28 ") con OIS
Ultra grandangolo 40 MP, f / 1.8
Teleobiettivo 8 MP (RYYB) Zoom ottico 3x + OIS
Teleobiettivo 8 MP 10x zoom ottico + OIS
Profondità
OIS + AIS

FOTOCAMERA FRONTALE

32 MP
Sensore IR

BATTERIA

4.200 mAh
Carica rapida 40 W.
Ricarica wireless 40 W.
Ricarica wireless inversa

SISTEMA OPERATIVO

Android 10 con EMUI 10.1

CONNETTIVITA '

WiFi 6 Plus
5G
NFC
Bluetooth
GPS
Doppia SIM

ALTRI

Lettore di impronte digitali su schermo
IP68

PREZZO

A partire da 1399 euro

Da opaco a ceramico, ma con uno stampo quasi identico

Uno dei principali cambiamenti che questo Pro + ha confrontato con lo standard Pro è nella sua progettazione e costruzione: quella finitura opaca del vetro sfuma per lasciare il posto a un retro in ceramica. Nel caso del bianco, questa parte rappresenta un dorso lucido, come la lacca per pianoforte, con un tocco che ricorda il vetro.

Non esiste un gioco con i colori come stiamo vedendo di recente e in questo caso è qualcosa che lo favorisce: sembrano aver cercato una certa sobrietà ed eleganza che sicuramente ottengono (e che potremmo apprezzare di più o di meno). Il bianco contrasta con il notevole modulo per le fotocamere, in nero, e con i bordi argentati praticamente identici a quelli che abbiamo visto nel P40 Pro (con quegli angoli che sembrano incorporare lo schermo).

Naturalmente, questa parte posteriore non viene salvata dalle tracce e sebbene a prima vista possano non essere notate, si sporca facilmente. È comodo in mano grazie in parte alle curve e allo spessore, che va di pari passo con un peso considerevole, soprattutto considerando che è relativamente compatto quando si visualizzano altri cellulari con uno schermo approssimativo (pesa quasi 20 grammi in più rispetto al P40 Pro). con lo stesso volume).

Altezza (mm) Larghezza (mm) Spessore (millimetri) Peso (grammi) Schermo (pollici) Batteria Area (cm2) Volume (cc) Huawei P40 Pro + 158,2 72,6 8,95 226 6,58 4.200 114,85 102,79 Samsung Galaxy S20 Ultra 166,9 76 8,8 220 6,9 5.000 126,84 111,62 OnePlus 8 Pro 165,3 74,35 8,5 199 6,78 4.510 122,0 104,47 iPhone 11 Pro max 158 77,8 8,1 226 6,5 3.969 122,92 99,57 Pixel 4 XL 160 75,1 8,2 193 6,3 3.700 120,46 98,78 LG V60 ThinQ 169,4 77,7 8,9 219 6,8 5.000 131,62 117,15 Sony Xperia 1 II 165,1 71,1 7,6 181,4 6,5 4.000 117,39 89,21 Xiaomi Mi Note 10 157,8 74,2 9,67 208 6,47 5.620 117,09 113,22

Parlando dello schermo, si tratta di un pannello OLED da 6,58 pollici con risoluzione FullHD + (2.640 x 1.200 pixel) e una frequenza di aggiornamento fino a 90 hertz. Una risoluzione che, sebbene corretta, è più di fascia media e che in questo Pro + è strana, con la concorrenza ospitata nel QHD +.

Lasciando da parte questo, offre una buona esperienza in termini di contrasto, luminosità e definizione. La frequenza di aggiornamento di 90Hz è evidente soprattutto nelle pergamene e nelle transizioni (un po 'pesante in questo livello di software) e viene abbastanza ben calibrata dalla fabbrica, sebbene fortemente saturata. Questo può essere corretto nelle impostazioni dello schermo, così come troviamo la possibilità di "nascondere" o meno l'isola della fotocamera frontale (che lascia una barra abbastanza ampia) e manteniamo le sensazioni riguardo alla curvatura: non ci sono tocchi accidentali (tranne che molto occasionalmente), ma non offre alcun vantaggio e dobbiamo abituarci alle ombre che si presentano naturalmente sullo schermo.

Per quanto riguarda l'audio, il sistema viene mantenuto in modo che l'auricolare sia lo schermo stesso e vi sia un altoparlante principale nella parte inferiore. Sebbene non sia un suono stereo rigorosamente parlando, il suono è di qualità, pulito e con una buona gamma dinamica. Parlando di cuffie, vengono fornite USB Type-C che offrono una buona esperienza e ci sono anche alcune opzioni software che ti consentono di regolarlo un po 'di più a nostro piacimento.

Esperienza utente: una configurazione nota per prestazioni più che sufficienti

Con Kirin 990 e 8 GB di RAM, Huawei P40 Pro + funziona molto bene e non c'è alcun segno che l'hardware possa essere corto, né per i giochi né per altre attività impegnative. Non c'è ritardo Nessun cretino e sebbene la temperatura aumenti nell'area intorno al modulo della fotocamera posteriore, non abbiamo notato nulla di preoccupante. Vi mostriamo i parametri di riferimento che siamo stati in grado di superare (con una certa assenza a causa di problemi di installazione o esecuzione).

Huawei P40 Pro Samsung Galaxy S20 Ultra Nubia Z20 LG V50 ThinQ Zoom OPPO Reno 10x OnePlus 7 Pro Honor View30 Pro iPhone 11 Pro Processore Kirin 990 Exynos 990 Snapdragon 855+ Snapdragon 855 Snapdragon 855 Snapdragon 855 Kirin 990 Apple A13 Bionic RAM 8 GB 8 GB 12 GB 8 GB 8 GB 8 GB 12 GB 8 GB 4GB AnTuTu 495.301 (lite) 465.493 522.873 361.365 315.066 361.293 376.968 463.513 409.070 3D Mark (Sling Shot) 4.074 4.074 8.184 - 6.492 7.161 7.388 - - PCMark Work 9.681 9.476 10.426 8.948 9.364 8.649 9.991 8.712 -

Possiamo parlare del software in modo equo in quanto abbiamo visto in dettaglio cosa possiamo fare con un cellulare Huawei attualmente senza servizi di Google. Ma possiamo commentare che questo cellulare lancia Petal Search, un motore di ricerca che unisce i risultati web con le app e persino metasearch sul telefono stesso con il quale otterremo risultati dalla Galleria app o dall'APK da repository noti (qui ci indicherà un avviso che potrebbe essere un installazione non sicura e che Huawei non è responsabile.

Il desktop come viene dalla fabbrica su Huawei P40 Pro +. A destra ciò che appare quando cerchi qualcosa in Petal Search.

Con una batteria da 4.200 mAh, la stessa capacità di quella del P40 Pro, l'autonomia media è praticamente la stessa, circa 28-30 ore. Non c'è una netta differenza tra una frequenza dello schermo o un'altra e può raggiungere i 2 giorni se la usiamo leggermente (ascoltando musica, navigazione, social network, ecc.) E meno del giorno se estraiamo continuamente contenuti multimediali e giochi.

Telecamere che mantengono il livello dei loro fratelli più piccoli

L'app della fotocamera è quella che abbiamo visto nell'ultimo Huawei che abbiamo testato, anche se in questo caso vedremo una modalità dedicata allo scatto di 50 megapixel. Mantiene ancora l'interfaccia a schede e dà la priorità al pulsante dell'intelligenza artificiale rispetto a uno per la qualità HDR o video nelle scorciatoie, ma funziona bene e senza intoppi.

In generale vediamo un risultato un po 'più realistico in termini di colorimetria rispetto ai precedenti cellulari Huawei, ma come abbiamo visto anche nel Huawei P40 c'è una certa tendenza al rosso in momenti in cui non c'è tale sfumatura.

Fotografia automatica.

L'HDR non è eccessivamente aggressivo e in effetti c'è poca differenza rispetto allo scatto automatico, ma possiamo perderlo in modalità Pro.

Sottolinea la versatilità offerta da tutti gli obiettivi e soprattutto lo zoom di cui parleremo ora (supportato da due teleobiettivi). Il grandangolo si comporta bene con luce abbondante ma non sembra troppo bello quando è scarso.

Ciò che rimane alquanto confuso è la modalità ritratto (solo per persone), che richiede comunque di selezionare una modalità (invece di averne una di default). La cosa più comoda è tirare quella di apertura, che funziona con tutto e generalmente si comporta abbastanza bene (anche se può essere giocato con 3x con il ritaglio).

Foto grandangolare. Corregge molto bene la deformazione dovuta alla curvatura dell'obiettivo, ma di solito dà risultati troppo contrastanti e colori leggermente più lavati rispetto a quelli standard. In assenza di un confronto con te, Huawei probabilmente continuerà a prendere il timone quando si tratta di zoom ottico

In assenza di un confronto con te, Huawei probabilmente continuerà a prendere il timone quando si tratta di zoom ottico. Questo Pro + arriva anche a 10x grazie al suo secondo teleobiettivo e la verità è che dà risultati sorprendenti anche di notte, quando ci mancherà una certa esposizione ma in cambio avremo un dettaglio che stupirà.

Le 3x, 5x e 10x sono utili in ogni occasione, non tanto le 100x. In tutti i casi vedremo prestazioni peggiori in condizioni di luce media o situazioni come un tramonto, e vedremo in seguito che la modalità notturna aiuta anche lo zoom ottico ma non quando andiamo al digitale, essendo scatti molto più lenti.

Il taglio che rimane nello zoom 100x non è molto utilizzabile, ma in buona luce la sua nitidezza sorprende.

La foto è sottoesposta, ma è sorprendente vedere che anche le barre delle finestre sono definite.

Qualcosa da sottolineare è che il cambio dell'obiettivo continua ad avvenire secondo ciò che il sistema considera; cioè, non salterà sempre a 5x o 10x. Questo ci è stato spiegato dal marchio stesso, indicando che il teleobiettivo non può avere una grande apertura e ha bisogno di più luce, quindi sono combinati con quello principale. Il sistema valuta la luce e la lunghezza focale, il rumore e altri aspetti, quindi valuta quando saltare.

In ogni caso, l'Huawei P40 Pro + è il cellulare per chi desidera il miglior zoom sul mercato su un dispositivo mobile e pone il livello più alto. Il bilanciamento del bianco viene mantenuto abbastanza bene, così come la colorimetria, quindi l'unica cosa che noteremo è una sottoesposizione dovuta al tipo di obiettivo che abbiamo visto.

** La fotografia notturna ** è un altro punto di forza di Huawei. La modalità notturna è una vera lunga esposizione e sarà particolarmente utile in grandangolo (che in condizioni di scarsa luminosità ha prestazioni peggiori del previsto).

Sarà utile anche nello zoom ottico da 3 a 5x, lasciando un risultato un po 'troppo contrastato ma meglio definito rispetto alla modalità automatica o HDR.

Il pulsante AI può essere un buon amico nel suggerire determinate modalità, ma un po 'insidioso quando si regola in base a ciò su cui ci si concentra (perché di solito è troppo saturo).

Questa volta vediamo una modalità ad alta risoluzione dedicata alle riprese a 50 megapixel, con o senza "effetto AI". Non vediamo una notevole differenza nei dettagli tra questa risoluzione e quella ottenuta combinando i pixel.

Se scattiamo a 50 megapixel con la modalità Pro vedremo che si perde una gamma dinamica.

La fotocamera frontale (parlando di quella principale, poiché quella secondaria è un sensore IR) si comporta bene in buona luce, sia all'aperto che al chiuso. Ad eccezione di alcuni in cui le foto troppo contrastanti appaiono a causa dell'illuminazione, di solito sono molto corrette.

Anche la modalità Ritratto ha buoni risultati. Soprattutto non c'è perdita di dettaglio in primo piano e la sfocatura dipende anche da quegli effetti un po 'falsi, ma ricorrendo a "cerchi" (forse il più standard) non fa male nonostante sia piatta.

L'esperienza video è equivalente a quella che abbiamo avuto con il P40 Pro, sia per l'app che per la qualità e quel particolare salto dell'obiettivo che abbiamo descritto in fotografia. Maggiori dettagli in 4K e quello che perde è il grandangolo, soprattutto di notte (perdendo stabilità).

Huawei P40 Pro +, l'opinione di Xataka

Huawei ha voluto differenziare un secondo, più sofisticato ed elegante fiore all'occhiello in un anno in cui cresce la competizione per lo zoom e in cui abbiamo assistito al più grande calo della storia del mercato mobile. Nonostante l'impatto sulle vendite, il marchio rimane secondo nella classifica mondiale, ma dato il percepito declino dovuto alla battuta d'arresto dei servizi di Google, è almeno una mossa rischiosa, in quanto non è un cellulare molto conveniente.

Essendo così, così simile a Huawei P40 Pro, è difficile giustificare il suo acquisto rispetto all'altro, essendo anche un po 'più leggero e altrettanto robusto, ma se l'apparente investimento che hanno fatto nelle telecamere di questo team è evidente, lo zoom è Un ultimo. Forse non tutti usiamo lo zoom o il grandangolo molto regolarmente, ma con quello su questo cellulare, vogliamo usarlo sempre. Ed è l'ennesima prova che la combinazione di zoom ottico e stabilizzazione ottica vince quando si tratta di avvicinarsi il più possibile.

8.6

Design9.75 Display9.25 Performance9.5 Camera9.5 Software4.75 Autonomy8,75

In favore

  • Lo zoom è scandaloso. Anche il 100x, nel limite del possibile, arriva a sorprendere.
  • Sebbene sia in qualche modo pesante in mano, non è grande a causa della sua larghezza e non scivola.
  • I servizi del software sono sempre più completi.

Contro

  • Anche se sembra ripetitivo e EMUI è in fase di completamento, il software può limitare l'esperienza a seconda di quanto dipendiamo da determinate app.
  • Mantenendo una certa qualità, il suono attraverso lo schermo non riesce a emulare lo stesso stereo.
  • L'app della fotocamera potrebbe essere un po 'meno confusa: alla fine così tanta scelta diventa un po' travolgente.

Huawei P40 Pro + è il fiore all'occhiello del marchio finora quest'anno. E il suo zoom è il grande protagonista che abbiamo messo alla prova. Ci è piaciuto Lo zoom è scandaloso. Anche il 100x, nel limite del possibile, arriva a sorprendere. Sebbene sia in qualche modo pesante in mano, non è grande a causa della sua larghezza e non scivola. I servizi del software sono sempre più completi. Non ci è piaciuto così tanto Anche se sembra ripetitivo e EMUI è in fase di completamento, il software può limitare l'esperienza a seconda di quanto dipendiamo da determinate app. Mantenendo una certa qualità, il suono attraverso lo schermo non riesce a emulare lo stesso stereo. L'app della fotocamera potrebbe essere un po 'meno confusa alla fine così tanta scelta diventa un po' travolgente. Analisi completa nel link della nostra biografia httpsbit.ly3hxIO1U Che ne dite di Seguici su @xataka @__martinelli --- #tech #instatech #xataka #review #tecnologia #android # huaweip40proplus # p40proplus # huaweip40 # kirin990 # 100x #superzoom

Il terminale è stato prestato per i test da Huawei. Può indagare sulla nostra politica di relazioni con le imprese.

Condividere none:  Mobile Scienza Analisi 

Articoli Interessanti

add