Hisense ULED H65U9A, analisi: prova evidente che in Cina sanno come realizzare televisori di fascia alta con la tecnologia FALD

Il mercato televisivo è molto vivace. Il primo modello con risoluzione 8K è già nei negozi; LG ha presentato la sua nuova TV OLED roll-up con una vocazione domestica al CES e Samsung ha effettuato una manovra simile durante questa stessa fiera, ma scommettendo sulla tecnologia MicroLED, che sembra avere un futuro promettente.

È interessante che i consumatori conoscano le tecnologie che competono per guadagnare un punto d'appoggio nel mercato e che, senza dubbio, acquisiranno maggiore rilevanza in futuro. Ma è anche soddisfacente confermare non solo che la tecnologia LED LCD non ha ancora detto la sua ultima parola, ma che abbiamo sempre più opzioni da considerare. Questa TV di fascia alta del marchio cinese Hisense è un buon esempio di una tendenza che da tempo si è affermata negli smartphone: alcuni marchi cinesi possono sfregare i gomiti con i loro vicini sudcoreani e giapponesi senza complessi. E anche con produttori occidentali.

E riunisce una buona parte delle innovazioni che gli utenti possono aspettarsi di trovare in un televisore di fascia alta dotato di un pannello LCD, come l'oscuramento locale della retroilluminazione attraverso una serie di diodi LED con una topologia FALD (Dimming locale a matrice completa), riproduzione del colore con tecnologia dei nanocristalli o compatibilità con lo standard HDR10, tra gli altri vantaggi. Scopriamo se è davvero all'altezza di quanto previsto dalle sue specifiche.

Hisense ULED H65U9A: specifiche tecniche

Una delle risorse più interessanti di questo televisore è, come ho avanzato nel paragrafo precedente, il fatto che il suo sistema di retroilluminazione a LED utilizza un array di diodi posizionato dietro il pannello e non al limite. Questa soluzione consente di controllare con maggiore precisione l'oscuramento della retroilluminazione in una determinata area dello schermo, ottenendo così neri più profondi e un livello più elevato di dettagli nelle regioni più scure.

I vantaggi della tecnologia FALD (Dimming locale a matrice completa) rispetto alla retroilluminazione a LED periferica hanno reso l'opzione che i produttori di TV LCD di solito optano per le loro proposte di fascia alta. Questa è precisamente la strategia che Hisense ha usato in questa televisione.

Tuttavia, il modo in cui gli ingegneri di questo marchio cinese hanno implementato la retroilluminazione su questo televisore lo pone, almeno sulla carta, un passo avanti rispetto a molti dei suoi concorrenti con un pannello LCD. Ed è che la matrice di diodi LED ha 700 zone il cui oscuramento può essere controllato in modo indipendente.

L'array di diodi LED che rende possibile la retroilluminazione FALD di questo televisore ha 700 zone il cui oscuramento può essere controllato in modo indipendente

Se teniamo presente che la TV più ambiziosa che Samsung ha in questo momento nei negozi, la QLED 8K Q900R che abbiamo esaminato diverse settimane fa, ha "solo" 480 zone di retroilluminazione, è facile vedere che la soluzione Hisense è ambiziosa. Nella sezione in cui esamineremo la sua qualità dell'immagine, controlleremo se questo miglioramento è davvero palpabile.

Oltre al modo in cui viene implementata la retroilluminazione, che ha un impatto diretto sulla qualità dell'immagine offerta da un televisore con un pannello LCD, è anche importante conoscere le caratteristiche del pannello stesso. In questo modello Hisense ha optato per un'unità VA, che è la stessa tecnologia utilizzata, ad esempio, da Sony e Samsung nei loro televisori LCD.

I pannelli VA sono caratterizzati, senza entrare in dettagli complicati, offrendo un elevato rapporto di contrasto nativo e meno perdite di luce rispetto all'IPS. Tuttavia, la sua capacità di riproduzione del colore è inferiore a quella di quest'ultima tecnologia, sebbene l'uso di nanocristalli possa ridurre al minimo l'impatto di questo svantaggio. Ciò che mi sorprende è che Hisense ha utilizzato un pannello a 8 bit su questo televisore di fascia alta, e non uno a 10 bit, che è la profondità di colore di solito dei modelli di fascia alta di marchi come Sony e Samsung. , Panasonic o LG.

Il pannello a 8 bit di questo televisore ha a suo favore l'uso della tecnologia FRC (Frame Rate Control), una tecnica che consente di generare uno spazio cromatico più ampio utilizzando pixel adiacenti di diversi colori che ci danno la sensazione che stiamo contemplando un terzo colore che, in realtà, non fa parte dello spazio cromatico del pannello a 8 bit. Ma è evidente che questo è un trucco che non ci offre la precisione nella riproduzione del colore raggiunta dai pannelli nativi a 10 bit, che, inoltre, sono anche in grado di eseguire l'elaborazione e la gestione del colore a 12 bit usando le tecniche FRC.

La tecnica FRC riesce a generare uno spazio cromatico più ampio utilizzando pixel adiacenti di diversi colori che ci danno la sensazione di vedere un colore che non fa realmente parte dello spazio cromatico del pannello.

Lo svantaggio in termini di riproduzione del colore derivante dall'uso di un pannello a 8 bit può essere in qualche modo compensato dall'uso di nanocristalli, una tecnica che i produttori di televisori utilizzano ampiamente da circa cinque anni e che è stata utilizzata a minuscole particelle con una struttura cristallina (che misura meno di 100 nanometri) in grado di modificare la lunghezza d'onda della luce.

Questa proprietà dei nanocristalli consente ai televisori che optano per questa tecnologia di riprodurre una gamma cromatica più ampia, neri più profondi e anche consumare meno energia. Sulla carta le cifre di questo televisore Hisense non sono male, nonostante i limiti che il suo pannello LCD VA a 8 bit potrebbe imporre. Ed è che secondo il marchio cinese riesce a ripristinare il 76% dello spazio colore BT.2020 e il 95% di DCI-P3, alcune cifre davvero promettenti. Successivamente verificheremo quale esperienza ci offre in questo campo.

HISENSE ULED H65U9A caratteristiche PANNELLO LCD UHD 4K da 65 pollici (3.840 x 2.160 punti) retroilluminato a LED TECNOLOGIA DEL PANNELLO LCD VA 8 bit + FRC PROPORZIONI 16:9 FREQUENZA POTABILE VSYNC 120 Hz CONTRASTO 3.200: 1 (minimo) / 4.000: 1 (tipico) CONSEGNA LUMINOSA 730 nits TECNOLOGIA DIMMERAZIONE RETROILLUMINAZIONE Dimming locale tramite retroilluminazione array principale con 700 zone HDR HDR10 E HLG ANGOLO DI VISIONE 176º/176º COPERTURA DEGLI SPAZI DI COLORE 76% BT.2020 / 95% DCI-P3 PROCESSORE DI IMMAGINI Quad Core MT5658EDEJ DECODER HEVC (H.265), VP9, ​​H.264, MPEG-4, MPEG-2, VC-1 e MVC SUONO 2 x 15 Watt / Dolby Audio (DD + include Dolby Digital Plus e Dolby Digital), DBX, ecc. SISTEMA OPERATIVO VIDAA U2.5 CONNETTIVITÀ WIRELESS WiFi 802.11ac Dual Band
Bluetooth 4.2 CONNETTORI FISICI 2 x HDMI 2.0, 2 x HDMI 1.4, 1 x CI + 1.3, 1 x USB 2.0, 1 x USB 3.0, 1 x S / PDIF, 1 ingresso audio RCA, 1 uscita cuffie, 1 ingresso video composito e 1 x RJ-45 Ethernet SINTONIZZATORI DVB-T2 Si 2) DIMENSIONI 1.449 × 302 × 947 mm (base inclusa) LARGHEZZA TELAIO 3,5 / 3,5 / 50,7 mm (in alto / a sinistra e a destra / in basso) PESO 32,2 kg (con supporto) PREZZO 2.129,90 euro

Un design con una sua personalità

La finitura di questo televisore è all'altezza di ciò che possiamo aspettarci da un modello di fascia alta. I telai sono sottili e sormontati da un telaio in alluminio lavorato in modo impeccabile che gli conferisce un design molto accattivante. Naturalmente, l'uso di uno schema di retroilluminazione FALD fa sì che il suo spessore sia maggiore di quello dei televisori LCD con retroilluminazione a LED periferica. Anche così, i 67 mm che misura nella parte inferiore, che è il più profondo, non sono affatto esagerati e sono allineati con le misurazioni dei televisori FALD di altre marche.

Una delle caratteristiche che conferisce a questa televisione Hisense una personalità propria e le distanzia dalle proposte di altri produttori è l'uso di una doppia base. Nella foto che hai sotto queste linee puoi vedere il piedistallo anteriore, realizzato interamente in acciaio e con un design abbastanza aerodinamico. La cosa curiosa di questo design a doppia base è che quando guardi la TV da una posizione leggermente incline, come quella mostrata nella foto, la base posteriore è quasi invisibile e sembra che la TV si alzi magicamente solo sul piede Inoltrare. La verità è che un effetto piuttosto interessante.

L'effetto di cui ho parlato nel paragrafo precedente è ampiamente possibile perché la base posteriore è trasparente, il che la fa passare inosservata se guardiamo la TV a una certa distanza o da una posizione sbilenco. Una conseguenza dell'uso di questa doppia base, che, per inciso, si installa molto comodamente, è che il pannello è leggermente inclinato, il che di solito ci consente di adottare una postura comoda quando il televisore è posizionato a un'altezza ridotta, ma può anche causare la comparsa di qualsiasi riflesso se una fonte di luce viene posizionata sopra il televisore.

Il pannello posteriore di questo televisore è completamente in plastica, ma la verità è che è più bello di quello incorporato da altri modelli di prezzo simile. Nella seguente fotografia non puoi apprezzarlo perché è stato preso a una certa distanza per mostrare uno scatto generale della televisione, ma se guardi l'immagine precedente, che mostra la base posteriore, vedrai che tutto è coperto da una trama di piccoli rettangoli che, se osservati da vicino, conferiscono a questo televisore una finitura peculiare e abbastanza piacevole, nonostante il fatto che i televisori dietro di esso di solito non siano affatto sorprendenti.

Questa è l'esperienza d'uso proposta da questo televisore

Come ci si aspetterebbe da una TV di fascia alta, questo modello è abbastanza ben calibrato in fabbrica. Tuttavia, ci sono diverse regolazioni che gli utenti possono effettuare per perfezionarlo un po 'di più e per adattarlo meglio alle caratteristiche della luce dello spazio in cui lo utilizzeremo e che sono estendibili a tutte le modalità di visualizzazione predefinite .

L'unità che ho avuto l'opportunità di testare ha funzionato bene con qualcosa che ha funzionato anche per altri televisori con un pannello LCD: ridurre un po 'l'intensità della retroilluminazione. Ed è che come viene dalla fabbrica, i colori appaiono un po '"lavati", specialmente nelle aree di ogni cornice che sono più illuminate. Su questo televisore è anche una buona idea abbassare un po 'il parametro di nitidezza perché ti permette di darci un'immagine leggermente più naturale e liscia, secondo me.

Questo televisore è abbastanza ben calibrato in fabbrica, ma ti fa bene ridurre un po 'la luminosità e la nitidezza.

Una nota che sarà curiosa per i giocatori: la modalità di gioco non si trova nella sezione del menu delle impostazioni che include le altre modalità di visualizzazione. Questa modalità d'uso, che, come sapete, disabilita la maggior parte dell'elaborazione delle immagini per ridurre il più possibile la latenza di input quando si utilizzano i videogiochi, può essere attivata controllando il parametro appropriato nel menu delle impostazioni della qualità dell'immagine. La sua posizione è insolita, ma è interessante sapere dove si trova perché l'attivazione o meno condiziona seriamente la nostra esperienza durante l'utilizzo dei videogiochi.

Sulle sue TV, Hisense utilizza VIDAA come piattaforma software, un sistema operativo sviluppato dallo stesso marchio cinese, che dal suo design mi ricorda molto Android TV, soprattutto per l'estetica della sezione che ci consente di eseguire applicazioni. Non male, infatti, ci offre un'esperienza simile a quella del sistema operativo Google, ma la trovo più invadente e meno stilizzata di Tizen, che è la piattaforma progettata da Samsung per i suoi televisori e che, secondo me, è quello che attualmente ci offre l'esperienza più soddisfacente.

Il processore responsabile dello spostamento dell'interfaccia, dell'esecuzione delle applicazioni e della post-elaborazione del segnale video durante la riproduzione di contenuti cinematografici è un chip quad-core firmato da MediaTek. La versione di questo SoC che incorpora questo televisore è l'MT5658EDEJ e, sebbene sposta l'interfaccia con sufficiente agilità, non è così veloce né ci offre un'esperienza così piacevole come quella proposta dai televisori di fascia alta di Samsung e LG. Aderendo alla mia esperienza con loro, attualmente le proposte di questi due marchi in questo settore sono un passo avanti rispetto ai loro concorrenti allo stesso livello di prezzo.

Un dettaglio che mi sembra un successo da parte di Hisense non è altro che l'inclusione nel telecomando di questo televisore a tre pulsanti che ci consente di accedere a Netflix, YouTube e Rakuten TV. L'accesso diretto a Netflix è incorporato da molti dei televisori di oggi, ma non è frequente avere anche due pulsanti dedicati a Rakuten TV e YouTube. La presenza di quest'ultimo mi sembra una buona idea perché è probabile che l'app che ci consente di accedere alla piattaforma video di Google sia una delle più utilizzate dagli utenti che decidono di prendere possesso di questo televisore e avviarlo in questo modo è molto. più comodo e più veloce di essere costretto a navigare attraverso l'interfaccia.

Il suo suono è al di sopra della media

Non ho scrupoli nel confessare che sono particolarmente esigente riguardo al suono dei televisori perché una parte importante dell'esperienza che ci offrono dipende dalla loro qualità. E l'audio che Hisense ci propone in questo modello mi ha piacevolmente sorpreso. La parte inferiore del telaio di questo televisore riunisce un involucro simile a quello di una soundbar stereo con un amplificatore che funziona in classe D (è il solito in questi dispositivi grazie alla sua alta efficienza) e che è in grado di erogare 15 watt per canale.

Questo televisore è anche in grado di elaborare l'audio Dolby Audio, uno standard che mira a offrirci un'esperienza soddisfacente con tutti i tipi di contenuti (film, videogiochi, musica, ecc.) E che lo rende compatibile con Dolby Digital Plus o Dolby TrueHD, tra gli altri. Ma ciò che è veramente interessante, e dove penso che il grande suono che questa TV può fornirci risieda in gran parte, è che JBL ha curato la messa a punto dell'audio.

Non so fino a che punto questo veterano marchio americano specializzato in audio sia responsabile delle prestazioni sonore di questo televisore, ma la verità è che suona molto meglio della maggior parte dei televisori che ho analizzato negli ultimi anni. Uno dei suoi punti di forza è una gamma media forte e potente che fa del suo meglio riproducendo le voci con energia e chiarezza. Gli acuti non si distinguono soprattutto, ma si incontrano senza problemi e non si scontrano quando si tratta di offrirci un suono equilibrato.

In ogni caso, l'area in cui eccelle questa televisione non è altro che la riproduzione dell'estremo estremo, che è precisamente la gamma di frequenza che molti altri televisori soffocano. I suoi bassi hanno un pugno, una risoluzione sufficiente e sono ben integrati con il resto dello spettro delle frequenze. Inoltre, per sfuggirli al controllo devi alzare molto il volume.

Se vogliamo godere della migliore qualità del suono possibile, è una buona idea scommettere su un team multicanale dedicato. Ma, a differenza di quanto accade con altri televisori, possiamo vivere in modo piacevole con il suono che questo modello Hisense ci offre senza che sia un requisito essenziale passare attraverso la scatola per acquistare una sound bar o un'apparecchiatura dedicata.

La sua qualità d'immagine è alta, ma la concorrenza è serrata a questo livello di prezzo

Per testare la qualità delle immagini di questo televisore, mi sono rivolto alla mia solita batteria di film, che include le edizioni Blu-ray Disc e Blu-ray 4K di "The reborn", "The arrival" e "Blade Runner 2049 "e l'ultima versione in DVD del primo volume di" Kill Bill ". Come abbiamo visto all'inizio dell'analisi, questa TV riunisce tutte le tecnologie che possiamo aspettarci di trovare in un modello di fascia alta, come la retroilluminazione FALD, i nanocristalli e l'elaborazione avanzata delle immagini, ma queste innovazioni sono offerte anche da marchi come Sony, Samsung o LG in modelli che costano ancora meno (il modello da 65 pollici della serie XF90 di Sony con retroilluminazione Full Array può essere ottenuto per meno di 1.500 euro).

In ogni caso, prima di scoprire dove si trova questo televisore Hisense di fronte ad alcuni dei suoi concorrenti che hanno recentemente attraversato il laboratorio Xataka, come il Samsung Q9FN o il Sony XF90, è giusto che investigiamo su ciò che offre senza prendere i suoi concorrenti come riferimento. Curiosamente, una delle caratteristiche che mi ha sorpreso di più di questo televisore perché incorpora un pannello a 8 bit, e non a 10 bit, è la sua capacità di riproduzione del colore. Ed è che la sua gamma di colori è molto ampia da un punto di vista soggettivo (puoi intuirla in alcune delle fotografie che illustrano questa analisi), che mostra che la tecnologia FRC, quando ben implementata, funziona.

Uno dei suoi punti di forza più evidenti è la sua massima capacità di offrire brillantezza. Secondo Hisense, questo televisore è in grado di raggiungere una luminosità massima di 2.500 nits in alcune aree del pannello (la luminosità tipica è ridotta ad alcune anche interessanti 730 nits). E, in pratica, grazie a questa funzione i contenuti HDR sembrano fantastici. In effetti, la seconda sequenza del Blu-ray 4K di "The reborn" ha un potere estetico straziante in questo televisore grazie in gran parte alla sua capacità di fornire molta luce senza il livello di dettaglio nelle alte luci. Pique.

La sua capacità di erogazione della luminosità massima di 2.500 nit consente di riprodurre un HDR abbastanza spettacolare

Un'altra area in cui questo televisore funziona bene, nonostante abbia un pannello VA, è quella relativa agli angoli di visione. Non corrisponde alle prestazioni di un buon pannello IPS in quest'area, ma le immagini possono essere perfettamente godute da una posizione laterale perché la riproduzione del colore è solo leggermente degradata. E, per quanto riguarda il ridimensionamento, non c'è nulla da obiettare: quando inizi con il contenuto a 1080p, il livello di dettaglio che recupera è alto e il rumore è minimo. Dalla risoluzione standard il risultato non è così convincente, ma è a un livello paragonabile a quello dei televisori nella stessa fascia di prezzo dei loro concorrenti.

Proprio come ti aspettavi una riproduzione del colore meno accurata a causa degli 8 bit del pannello, eri anche sicuro che la retroilluminazione FALD avrebbe brillato grazie alla sua capacità di gestire 700 zone indipendenti. E sì, funziona bene, ma in questo campo altri televisori con un pannello LCD VA fanno meglio. Sia il modello da 55 pollici della famiglia XF90 di Sony sia il modello da 65 pollici della gamma Q9FN di Samsung che abbiamo analizzato relativamente di recente ci hanno offerto neri più profondi e sono riusciti a recuperare più informazioni nelle regioni ombreggiate. Hisense TV ha la capacità di gestire indipendentemente l'oscuramento di più aree dell'array LED, ma ho la sensazione che gli algoritmi messi a punto dai due concorrenti appena messi a punto siano più efficaci.

Ecco come si comporta con i videogiochi

I punti di forza e di debolezza che questo televisore mette sul tavolo quando lo usiamo con i film sono ancora lì quando lo usiamo con i nostri videogiochi preferiti. Per provarlo, ho usato la nostra console Xbox One X e ho fatto ricorso a titoli come 'Halo 5: Guardians' o 'Forza Horizon 4' perché hanno una qualità grafica fantastica, in particolare il gioco di guida, che passa anche a 4K nel la versione più ambiziosa della console Microsoft.

La riproduzione dei colori di questo televisore è convincente e il suo HDR con i giochi che lo supportano sembra fantastico grazie alla sua elevata capacità di offrire la massima luminosità. Inoltre, la modalità di gioco ha un impatto molto chiaro sulla nostra esperienza, riflettendo che è essenziale attivarla perché, altrimenti, la latenza di input, che rivela il tempo che trascorre da quando eseguiamo un'azione con la nostra manopola di controllo fino a quando non ha un effetto sulle immagini, sarebbe troppo alto.

L'unico aspetto negativo che posso mettere su questo televisore Hisense in questo scenario di utilizzo è lo stesso che ho messo quando abbiamo analizzato la sua qualità dell'immagine durante la riproduzione di contenuti cinematografici: il suo nero e la sua capacità di recuperare i dettagli nelle regioni più scure non sono allo stesso tempo. Sorgi ciò che i più sofisticati televisori LCD retroilluminati FALD che ho avuto l'opportunità di recensire negli ultimi mesi ci offrono. Tuttavia, l'impatto di questo svantaggio sulla nostra esperienza nell'uso dei videogiochi è inferiore rispetto alla visione di film e non ha abbastanza peso per offuscare l'alta qualità d'immagine complessiva di questo televisore.

Hisense ULED H65U9A: opinione e valutazione di Xataka

Il gusto del passaparola che questo televisore mi ha lasciato dopo averlo testato a fondo è piacevole, e lo sarebbe ancora di più se invece di superare i 2.000 euro fosse più vicino ai 1.500 euro per i quali possiamo ottenere il modello da 65 pollici. La famiglia XF90 di Sony, che è uno dei televisori LCD FALD più interessanti che possiamo trovare oggi sul mercato. Se avesse avuto un prezzo leggermente più competitivo, questo Hisense si sarebbe affermato come uno dei modelli LCD di fascia alta con il miglior rapporto costi / prestazioni.

Ha margini di miglioramento, ma i suoi punti di forza gli consentono di raggiungere un livello notevole nella nostra valutazione

Mi piace la sua doppia base, che gli conferisce un tocco diverso; il suo finale, che è pulito; la sua elevata capacità di consegna senza sacrificare i dettagli nelle aree più luminose e, soprattutto, mi piace il suo suono, un'area in cui puoi guardare da sopra la spalla a molti dei suoi concorrenti. Anche i televisori che costano molto di più di questo marchio cinese ci chiedono questo modello.

D'altra parte, la sua qualità d'immagine globale è elevata grazie alla sua attenta colorimetria, al suo impressionante HDR e alla sua elaborazione efficiente, che rende davvero buoni anche i contenuti con risoluzione 1080p. Contro di lui ha, come abbiamo visto, alcuni neri e un livello di dettaglio nelle aree scure un po 'più basso di quello di alcuni dei suoi concorrenti, come i televisori di Sony e Samsung che ho citato alcuni paragrafi sopra.

Inoltre, il design dell'interfaccia VIDAA U2.5, il suo sistema operativo e la fluidità con cui possiamo spostarci e lanciare le applicazioni hanno margini di miglioramento per essere all'altezza di Tizen, che oggi è , a mio avviso, il miglior sistema operativo sintonizzato per i televisori. Sì, questa proposta di Hisense ha alcune aree di miglioramento, ma le sue qualità pesano abbastanza da consentirle di raggiungere un livello notevole nella nostra valutazione. Se la prossima iterazione lucida i dettagli che ho citato, non ho dubbi sul fatto che marchi di veterani in questo mercato come Samsung, Sony, Panasonic o LG, tra gli altri, avranno un avversario difficile da sbucciare. Per il momento, lo terremo al corrente.

8,5

Design8.5 Qualità dell'immagine8,75 Sound9.25 Interfaccia e software7,75

In favore

  • La sua qualità d'immagine complessiva è alta
  • Se ci atteniamo al suono, batte molti dei suoi concorrenti con autorità
  • Ha una grande capacità di consegna lucida
  • Funzionalità di post-elaborazione per abbinare ciò che ti aspetteresti da una TV di fascia alta
  • La doppia base dona a questo modello un'aria fresca e originale

Contro

  • Il design dell'interfaccia e la fluidità con cui possiamo spostarci hanno margini di miglioramento
  • I suoi neri e il livello di dettaglio nelle aree scure sono inferiori a quelli offerti da altri modelli FALD
  • Scintillii che non dovrebbero esserci potrebbero apparire in cornici che mescolano aree chiare e scure

L'attrezzatura è stata prestata per essere testata da Hisense. Può indagare sulla nostra politica di relazioni con le imprese

Maggiori informazioni | Hisense

Hisense H65U9A - Smart TV 65 "(ULED 4K Ultra HD Premium, Quantum Dot, HDR Supreme 2.500 nits, VIDAA U, JBL Sound) Colore Nero

Oggi in amazon per € 715

Condividere none:  La Nostra Selezione Mobile Analisi 

Articoli Interessanti

add