Il 2015 è un buon anno per comprare una televisione? Sì e questi sono i motivi

I produttori di TV prevedono che il 2015 sarà un anno positivo in termini di vendite. Hanno scommesso pesantemente, forse più degli anni precedenti, con tecnologie che sperano di convincere gli utenti che è il momento giusto per acquistare una nuova TV.

È vero? Il 2015 è un buon anno per acquistare una nuova televisione? Cominciamo dalla base che è necessario cambiare la TV, o perché l'attuale errore è stato troppo piccolo o si desidera una qualità superiore. In breve, hai intenzione di acquistare. In tal caso, la mia opinione è sì, il 2015 è un grande anno per acquistare una nuova TV e questi sono i miei argomenti.

Il 2015 è un buon anno per acquistare una nuova televisione?

I pannelli migliori sono UHD

La qualità complessiva di un pannello va ben oltre la risoluzione. Ci sono diversi fattori che influenzano la nostra esperienza d'uso. Ma oggi i produttori hanno chiarito che i loro pannelli migliori sono UHD. E non è perché vogliono venderci la moto ad altissima definizione, ma il suo utilizzo offre innegabili vantaggi.

I migliori pannelli di ciascun produttore sono UHD

Supponiamo di avere due schermi da 50 ", uno UHD e l'altro Full HD. Sulla stessa superficie abbiamo quattro volte più pixel nel caso dello schermo UHD rispetto al Full HD. Cioè, il pixel è quattro volte più piccolo. dettaglio che ci consente di stare più vicini allo schermo poiché il nostro occhio non è in grado di identificare i pixel. Naturalmente, ciò implica anche che la nostra visione apprezza un'immagine molto più nitida anche riproducendo entrambi gli schermi con lo stesso contenuto 1080p.

Oltre la risoluzione c'è il colore

Molti penseranno che quanto sopra non abbia importanza, per la distanza alla quale guardi il tuo televisore Full HD non sei nemmeno in grado di distinguere il pixel. Ma un pannello UHD offre più vantaggi della risoluzione stessa.

Quantum Dots è un vero miglioramento anche se sembra marketing

I nuovi pannelli UHD introducono una nuova tecnologia che oltre ad apparire come un termine di marketing è una realtà: Quantum Dots. Questa innovazione, sebbene in realtà non lo sia perché lo sapevamo già ed era stata utilizzata nei TriLuminos di Sony, consente di migliorare la rappresentazione dei colori mediante l'uso di nanocristalli.

Notevole? Sì, anche se dipende molto dalla capacità di percezione di ciascun utente. Non vediamo tutti la stessa immagine, diamo un'occhiata all'argomento di ieri sull'abito blu. La luce ambientale nel nostro salotto, la nostra nitidezza e altre condizioni influenzano la nostra capacità di apprezzare o meno il miglioramento della resa cromatica. Ma il miglioramento è reale al cento per cento.

Pertanto, al primo miglioramento che suppone la maggiore risoluzione aggiungiamo quello del colore. E senza tenere conto del fatto che quando arrivano contenuti 4K con un profilo colore REC.2020, la discussione sarà ancora più risolta.

HDR: una questione di luminosità e contrasto

Un'altra novità degli schermi UHD di questo 2015 è la tecnologia HDR. Nelle demo che sono state viste in fiere come il CES o gli eventi di ciascun marchio, apprezziamo un sostanziale miglioramento dell'immagine. Ora abbiamo livelli più elevati di luminosità che non influiscono sui neri.

I bianchi sono più puri e i neri sono più scuri, una combinazione che si traduce in un'immagine più intensa e in cui non perdiamo i dettagli in quelle scene complicate in cui c'è un contrasto molto pronunciato tra i diversi elementi che lo compongono.

La curva. Sì ma no come funzionalità chiave

Veniamo ad un altro degli argomenti che i produttori usano per venderci una nuova TV. È vero che le gamme più alte dei marchi principali utilizzano pannelli curvi, in alcuni sì o sì curvi e senza l'opzione di optare per uno piatto. Pertanto, ha qualcosa da offrire.

Non ti venderò la bici che aumenta l'esperienza immersiva, no. Né riduce significativamente la distorsione trapezoidale. Ma voglio rompere una lancia a favore di pannelli curvi.

Dopo aver provato alcuni schermi curvi, anche uno di computer, non ti dirò che ha migliorato la mia esperienza di utilizzo, ma dopo diversi giorni tornando ad un appartamento mi è costato. La sensazione di un pannello curvo è piacevole poiché dedichiamo più tempo alla visualizzazione dei contenuti.

La curva di uno schermo è migliore su schermi diagonali di grandi dimensioni, ma non scartare nessuno schermo perché è curvo

In ogni caso, è solo su schermi di grandi dimensioni che la curva inizia a esercitare un effetto di immersione più pronunciato. Il problema è che a 65 pollici, che è già di dimensioni più che generose, è difficile apprezzarlo. Ma se hai spazio e denaro per comprare un 100 "vedrai come cambiano le cose, in quelle situazioni è meraviglioso.

In breve, ciò che mi piace di meno dei televisori curvi è che possono rendere il prezzo finale più costoso. In caso contrario, non escluderei l'acquisto di un modello particolare per avere un pannello curvo. Inoltre, anche esteticamente sono più attraenti.

Set top box, Chromecast o Smart TV?

La percentuale di utenti che dispone di una Smart TV e utilizza le sue funzionalità è ancora molto bassa, ma non dobbiamo condannarla. Finora, il problema principale dei produttori è che stavano sviluppando le loro piattaforme Smart TV in un modo molto scarso e con scarse prestazioni, o come se fosse uno smartphone.

Le nuove piattaforme Smart TV mostreranno che sono utili. E guarda Android TV

È stato un errore perché attualmente quello che meno abbiamo è la pazienza. Ci stiamo abituando all'immediatezza e la richiediamo in tutti i dispositivi che utilizziamo. Entro il 2015, i produttori sembrano aver capito il messaggio che gli utenti hanno inviato loro e Tizen, WebOS 2.0, Firefox OS e Android TV migliorano le prestazioni e l'interfaccia.

Ora godremo di piattaforme più adatte per l'uso in televisione. Qualcosa che ti inviterà a usarlo e non scappare da loro per rifugiarsi nel set top box di turno. Sarà più semplice sviluppare applicazioni e includere nuovi servizi.

Una Smart TV è la più delle app

Vorrei comunque chiarire che una Smart TV deve essere utilizzata diversamente da uno smartphone o un tablet. Se stai cercando immediatezza, passa da un contenuto all'altro, consulta i social network che interrompono il film o la serie, quindi non farlo in TV o utilizzare Chromecast. L'idea di sfruttare una piattaforma Smart TV per me è di farlo accedendo a servizi come Netflix, Wuaki.tv o ai servizi delle diverse catene attraverso le loro app o servizi HbbTV senza dipendere da più dispositivi, senza dover eseguire lo streaming dal cellulare .

Anche se c'è di più, la piattaforma Smart TV ci consente anche di accedere a un lettore di contenuti di rete, programmare registrazioni, controllare la programmazione e altro ancora. È per avere un migliore controllo dell'hardware del dispositivo. O anche approfittare di notizie come la trasmissione di ciò che stavamo guardando in TV sul cellulare o sul tablet per finire il film, il capitolo o il programma a letto.

Giocatori occasionali, questi sono i tuoi televisori

Il gioco in streaming si sta svegliando. Samsung e Sony, con PlayCast e PlayStation Now, sono quelli che sembrano colpire per primi ma non ho dubbi che presto raggiungeranno più marchi. I giocatori occasionali troveranno nelle nuove opzioni per il tempo libero un'offerta più che attraente. La possibilità di godere di giochi che fino ad ora provenivano da console è molto sorprendente. L'unico aspetto negativo sarebbe la connessione Internet necessaria.

Una questione di cicli di rinnovamento

Se hai intenzione di acquistare una nuova TV, il 2015 è un buon anno. Senza dubbio il prossimo vedremo anche modelli interessanti, ci saranno miglioramenti, i dettagli saranno delineati e molto altro. È evidente, la tecnologia avanza e nulla lo ferma. Ma l'acquisto di una delle nuove proposte di quest'anno lo sta facendo con la certezza che sarai pronto per il contenuto che arriverà.

Perché anche se dubitiamo molto, il 2015 è più di una pistola di partenza per la distribuzione di contenuti 4K. Nel 2016 l'offerta aumenterà sicuramente e alla fine, se consideriamo che la vita media di una televisione è di solito almeno cinque anni, allora stai investendo nel futuro.

Penso che alla fine del 2015 avremo dati e la crescita delle vendite di TV UHD sarà più che importante. I prezzi stanno scendendo e chiunque stia cercando il meglio in termini di qualità dell'immagine sa che l'offerta di quest'anno è ciò che stanno cercando.

Che dire di OLED? Non ti preoccupare, non ho dimenticato. OLED è presente e futuro. È la tecnologia che prenderà il posto degli schermi a LED. I suoi vantaggi e miglioramenti indiscutibili rispetto a quello che abbiamo, ma il suo prezzo è ancora il problema più grande. Ecco perché gli schermi a LED continueranno ad essere i più venduti, è una tecnologia collaudata, notevolmente migliorata, matura e collaudata. Display a LED OLED ma a lunga durata.

In Xataka | Le sette tecnologie chiave dei televisori nel 2015

Condividere none:  Mobile Analisi Scienza 

Articoli Interessanti

add