Qual è il miglior smartphone del 2015? Il riferimento di fascia alta oggi faccia a faccia

La fine dell'anno si avvicina, gli Xataka Awards e una delle classiche battaglie di Xataka è il nostro confronto tra quelli chiamati ad essere i migliori smartphone di fascia alta di questo corso. E in Xataka li abbiamo tutti insieme. Abbiamo lasciato fuori quelli che consideriamo riferimenti nel segmento dei phablet perché hanno un'altra battaglia.

Per il nostro One to One in video, gli smarpthones che abbiamo organizzato sul ring sono stati in gran parte i nuovissimi finalisti che hanno votato la comunità Xataka come finalisti per gli Xataka Awards di quest'anno, con un cambiamento in Huawei e l'ingresso del Punto di riferimento HTC: Galaxy S6 Edge, iPhone 6s, Sony Xperia Z5, LG G4, Huawei P8, HTC One M9 e il Lumia 950 non ancora rilasciato a cui siamo stati in grado di accedere esclusivamente.

Di fascia alta, prezzo o finiture?

La prima domanda che ci poniamo nel nostro confronto ha a che fare con il prezzo e le finiture. L'high-end tende a significare per la maggior parte degli utenti terminali con un prezzo elevato ma richiedere una finitura squisita perché in alcuni casi tale finitura è correlata a un determinato stato sociale in modo simile a ciò che accade con il mondo dei veicoli.

In genere, metallo e vetro sono scelti dai marchi, ma ci sono un paio di eccezioni in questo confronto.

Il più significativo è quello del Lumia 950, che rifiuta persino il telaio metallico e viene lasciato con un corpo in policarbonato colorato, di buona qualità, ma rimosso da tutta la sua concorrenza. Ciò non significa che stiamo affrontando il Lumia con la migliore finitura e design in termini di dimensioni e peso, sempre.

L'altra gamma alta che va dall'includere la sua finitura al vetro o al metallo è l'LG G4, che opta per custodie in plastica che simulano la finitura metallica e quella che ci sembra più esclusiva, con pelle naturale.

Parlando di dimensioni, questo Samsung 2015 ha battuto tutti i suoi rivali con una certa differenza, ottenendo il terminale più leggero e più sottile (per non parlare della doppia curva che gli dà quello che abbiamo detto sull'esclusività e sull'aspetto per mostrare il terminale in pubblico) , con l'LG G4 che si ripete come quello che meglio sfrutta le sue dimensioni per adattarsi allo schermo più grande e l'iPhone 6s non sapendo come sfruttare le sue dimensioni più piccole.

Nel differenziare design, finitura e dimensioni, il Samsung Galaxy S6 Edge è stato il migliore di questo 2015

Qualcosa anche comune ai progetti di quest'anno è che, fatta eccezione per l'eccezionale eccezione del vetro e la doppia curva del Galaxy S6 Edge, ciò che ha segnato l'aspetto del resto dei modelli 2015 è stata la continuità, con solo piccoli dettagli riguardanti presentato l'anno scorso.

I 5 pollici sono di fascia alta

Dopo esserci sostanzialmente spostati verso una dimensione dello schermo più grande, sembra già che possiamo impostare il riferimento di fascia alta con un margine molto stretto di circa cinque pollici. Ci sono modelli agli estremi, come l'iPhone con i suoi 4,7 pollici o l'LG G4 che va a 5,5 pollici (ma a causa delle dimensioni, del concetto e non avendo uno migliore con più diagonale, rimane in questa gamma), ma la solita cosa è che quando aspiriamo ad acquistare uno smartphone di fascia alta, supponiamo che stiamo parlando di un modello da 5, 5,1 o 5,2 pollici.

Pensare alla fascia alta sta parlando di diagonale di circa 5 pollici, dove ci sono due gruppi diversi: quelli che non vogliono andare oltre i 1080p per non penalizzare la batteria, e quelli che danno il massimo con densità di quasi 600 dpi.

La relazione tra dimensioni diagonali e fisiche è molto importante in questi terminali. Come abbiamo anticipato, il G4 è il re indiscusso, ma è anche importante ciò che Samsung ha ottenuto con il suo S6 Edge e Microsoft con il suo Lumia 950. Sul percorso opposto ci sono l'HTC One M9 o i classici nelle nostre lamentele: Xperia Z5 e iPhone 6s.

Associato allo schermo non possiamo ignorare l'argomento dei pannelli, dove nella gamma alta le differenze di qualità non sono molto significative, così come la risoluzione. In questa sezione abbiamo due gruppi ben definiti. Da un lato, quelli che, per gestire prestazioni migliori e soprattutto la batteria, rimangono in risoluzioni che non superano i 1080p, con il caso più sorprendente di iPhone 6s che non migliora i dati di risoluzione dello scorso anno ed è il peggiore in densità di pixel, quasi la metà dei migliori.

E chi è quel terminale con una migliore densità di pixel senza rinunciare a un pannello di qualità? Beh, in realtà è un paio - fino a quando lo Z5 Premium non arriva sul mercato - costituito dal Galaxy S6 Edge e dal Lumia 950, in entrambi i casi con un pannello da 1440p e densità vicine ai 600 dpi. L'altro terminale che sceglie questa risoluzione 2K è l'LG G4.

A favore dell'iPhone di Apple c'è chiaramente la scelta della tecnologia Force Touch, che come non ci stanchiamo mai di ripetere, con il supporto degli sviluppatori, è chiamata ad essere un valore da imitare in brevissimo tempo da Android di fascia alta, come Huawei sta già iniziando ad esempio con il suo Mate S.

Samsung e Apple, in testa

La fascia alta di quest'anno 2015 ci ha lasciato una cosa molto chiara: Samsung e Apple sono i responsabili dei problemi dei processori. Il primo per potenza lorda e capacità di sviluppo della propria soluzione, e Apple per il secondo per Samsung, ma anche una massima ottimizzazione del suo software e hardware per raggiungere, senza le stesse cifre lorde in RAM o core del processore, raggiungere la vetta insieme ai coreani nella loro esibizione di alto livello quest'anno.

Mentre il resto dei produttori ha deciso se rischiare o meno con il controverso Snapdragon 810, Samsung e Apple sono saliti con la testa evidenziata a livello di prestazioni usando due diverse strategie

L'unica eccezione si trova in Huawei con i propri processori, ma quest'anno non si sono abbinati a questa gamma, né in termini di potenza né di efficienza energetica. A questi punti, le soluzioni di Samsung e Apple hanno anche dimostrato potenza mentre il resto dei produttori è stato coinvolto in una delle decisioni più difficili dell'anno a livello di specifiche.

Se continuiamo a guardare la scheda tecnica, c'è abbastanza uguaglianza, tranne per la memoria interna del modello entry-level nella fascia alta. Qui Apple non assume che 16 GB in un terminale come l'iPhone 6s siano ridicoli, mentre la concorrenza pone almeno 32 GB come base della memoria interna dei suoi terminali. Per quanto riguarda le possibilità di espansione, LG e Sony sono quelle che lasciano la porta aperta per noi per migliorare quella sezione con le schede microSD.

Passando a parlare di autonomia, non ci sono grandi novità o aspetti da rivedere. Il giorno di utilizzo e poco più (o anche meno) è "la legge" tra i migliori dell'anno che riflettiamo in questo One to One, quindi devi guardare altri aspetti come la ricarica veloce o wireless per essere in grado di sbilanciare l'equilibrio. Per inciso, la porta USB-C prevista per la ricarica, ad eccezione del caso del Lumia 950, è evidente per la sua assenza. Quando arriva, almeno speriamo che l'evoluzione sia completa, con tutti i vantaggi che questo tipo di porta dovrebbe lasciarci.

Continuità e piccoli miglioramenti sono stati il ​​keynote di iOS 9 e Android 6.0 in questo 2015. La cosa veramente rilevante che speriamo arriverà con l'ambizione di Windows 10 nella sua nuova Lumia di fascia alta

Se guardiamo ora al sistema operativo, la grande speranza di vedere un salto di qualità deve essere messa in Windows 10 e Microsoft con il loro Lumia di fascia alta che arriverà sul mercato in poche settimane. Pensiamo che sarà la loro ultima possibilità di trovare almeno una nicchia utente pertinente, ma rimane sempre la sfida di raggiungere un certo ecosistema. E lo promettono da molti anni.

Per quanto riguarda iOS 9 e Android 6.0, non ha raggiunto il mercato con nuove funzionalità a livello di interfaccia. Sul lato iOS, ci rimane la multi-finestra che si applica in particolare all'iPad e all'iPhone 6s Plus e su Android, due note: una migliore gestione energetica, ma soprattutto il dubbio che il problema degli aggiornamenti ci lasci sempre. Inaudito dal fatto che si parla di alte gamme di prezzo molto alto, gli aggiornamenti arrivano in altri segmenti e a volte devi aspettare il rilascio di una nuova versione per iniziare a vedere gli smartphone di oltre 500 euro aggiornare alla precedente.

E non dimentichiamo l'impronta digitale come metodo per identificarci. Qui Apple è ancora in testa ma con una proposta di Samsung che è già quasi uguale e un grande arrivo da Sony, che ha la migliore soluzione pensata quando abbiamo già il terminale in mano.

La fotocamera: uguaglianza ma anche varietà

Molta uguaglianza ma anche varietà per scegliere la fotocamera di uno o un altro smartphone. Dall'anno scorso, la fascia alta può già dire che offre fotocamere che in generale non deluderanno gli utenti e che hanno ulteriormente perfezionato i loro risultati in quel 2015. Se iniziamo a parlare di megapixel e dimensioni dei sensori, non ci sono quasi notizie in La parte anteriore. Le dimensioni rimangono come nella generazione precedente e sembra che la corsa per i megapixel sia stata leggermente in pausa. Pensare a 14-16 megapixel in questo momento è assurdo.

Al limite troviamo prima con Apple e i "nuovi" 12 megapixel del suo iPhone 6s. Mantiene l'idea della fotocamera quasi perfetta per inquadrare e scattare, ma con una spinta megapixel necessaria. Dall'altra parte, c'è sia Microsoft con i 20 megapixel del suo Lumia 950 e soprattutto Sony con i 23 megapixel del suo Xperia Z5, che è anche il sensore più grande.

I reali miglioramenti che abbiamo visto questo 2015 in questi terminali hanno a che fare con la velocità di messa a fuoco grazie all'arrivo massiccio di sistemi ibridi, nonché alla velocità di scatto. E altri controlli manuali, in cui LG G4, Lumia 950 e Galaxy S6 Edge vincono grazie alla possibilità di salvare le foto in formato RAW.

In modalità video, la registrazione 4K è confermata come il minimo che dobbiamo richiedere, e qui la stabilizzazione punta su "vitale" per ottenere risultati magnifici, con il Galaxy S6 Edge all'avanguardia con l'iPhone 6s. Ma non andare lontano perché il nostro confronto finale del 2015 è vicino e saremo in grado di chiudere ulteriormente il cerchio attorno ai migliori smartphone fotografici di questo 2015.

Condividere none:  Scienza Analisi Mobile 

Articoli Interessanti

add