Come pulire il computer dentro e fuori: istruzioni di sicurezza, ciò di cui hai bisogno e la procedura

Nel tempo e nell'uso, è comune che le apparecchiature informatiche finiscano per immagazzinare polvere, capelli, macchie, gocce e sporco. Per questo motivo, si consiglia di pulire periodicamente il computer e i suoi componenti. Come pulire un desktop o un laptop? In questo articolo esaminiamo la procedura, le istruzioni di sicurezza e quali elementi sono necessari per una pulizia approfondita del computer.

Prima di iniziare: cosa serve per pulire un computer

La pulizia di un computer, che si tratti di un desktop o di un laptop, è una procedura relativamente semplice che richiederà circa un paio d'ore e che dobbiamo eseguire periodicamente. Quante volte? Dipenderà dall'ambiente in cui ci troviamo e dalla sua posizione, dal momento che non è lo stesso avere una torre a livello del suolo in una casa con animali domestici piuttosto che averla sul tavolo in un laboratorio.

Anche se una buona approssimazione può avvenire una volta all'anno, la realtà è che ci sono segni inconfondibili come riscaldamento, ventilazione eccessiva o un ventilatore rumoroso.

Per pulire un computer avremo bisogno di una serie di articoli. Abbiamo consultato redattori esperti come Juan Carlos López, Javier Pastor e Javier Penalva per dettagliare i loro trucchi per la pulizia.

Per iniziare, avremo bisogno di un kit di cacciaviti di precisione (8,21 euro). Ci saranno casi in cui solo uno sarà sufficiente, ma è consigliabile avere un kit a casa.

Sul mercato troviamo un gran numero di kit a prezzi diversi, anche se considerato che si tratta di un acquisto "per sempre", vale la pena di essere di buona qualità, ergonomico e con una punta magnetica. Cosa non sono magnetizzati? Possiamo farlo da soli facendo scorrere un magnete dalla base in metallo alla punta, ripetendo il movimento più volte nella stessa direzione.

Avremo anche bisogno di uno spray ad aria compressa (5,79 euro), per rimuovere lo sporco incorporato in luoghi di difficile accesso. Anche un aspirapolvere potrebbe svolgere questo compito, utilizzandolo con cura in aree con parti piccole e delicate. Un altro elemento per la pulizia della polvere è un pennello piccolo (€ 8,55) o anche un pennello da barba a setole morbide per rimuovere la polvere senza danneggiare i componenti.

Per pulire le superfici interne e i componenti avremo bisogno di un panno in microfibra (7,99 euro) e per l'esterno, possiamo usare lo stesso panno o un camoscio che cattura la polvere. Alcuni tamponi - auricolari - saranno necessari anche per le aree più piccole.

Abbiamo consultato gli esperti di Xataka in merito al liquido utilizzato per pulire un computer e la loro raccomandazione generale è di lasciare da parte gli specifici detergenti e creare il nostro liquido di pulizia, altamente efficiente e più economico. Juan Carlos López ci dà la ricetta:

  • 80% di acqua distillata.
  • 20% di alcol isopropilico (9,90 euro)
  • Alcune gocce di deumidificatore (negozi di fotografia).

L'alcool isopropilico viene utilizzato per pulire i dispositivi elettronici senza danneggiarli, che applicheremo in soluzione. Da parte sua, il deumidificatore farà evaporare il liquido in breve tempo.

Problemi di sicurezza durante la pulizia di un computer

Prima di iniziare la pulizia dell'apparecchiatura e delle sue periferiche, le disconnetteremo dalla corrente elettrica per evitare scariche sia a noi che ai circuiti che la compongono. Presteremo particolare attenzione all'elettricità statica.

Ed è che i componenti dei circuiti elettronici possono essere danneggiati dall'elettricità statica che generiamo naturalmente. In questo senso, si consiglia di manipolarli con guanti in lattice (11,04 euro), che ci proteggeranno anche dalla polvere e con un braccialetto antistatico (7,49 euro).

I braccialetti elettrostatici sono bracciali che sono fissati al polso con un cavo terminato in un morsetto, che collegheremo a una connessione di terra, il telaio o la torre di metallo ci servono. Un'altra opzione per sbarazzarsi dell'elettricità statica è toccare una superficie metallica con le dita.

Se abbiamo problemi respiratori o siamo allergici, si consiglia vivamente di utilizzare una maschera antipolvere (19,52 euro) quando si maneggia e si pulisce l'interno di un computer, data la quantità di polvere che si accumula.

Come pulire la torre all'esterno e all'interno

La prima cosa che faremo è posizionare il computer su un tavolo chiaro e spazioso, con illuminazione e ventilazione sufficienti e con qualcosa sotto, può essere un cartone o una gomma di plastica, che raccoglie lo sporco e impedisce il contatto.

Spegniamo l'apparecchiatura e la scolleghiamo dall'alimentazione. Per pulire l'esterno utilizzeremo un panno in microfibra inumidito con il liquido detergente. Per porte e scanalature, utilizzare meglio una spazzola o alcuni colpi di spray ad aria compressa.

È tempo di aprire la squadra. Nel caso di una torre, è comune trovare viti esterne che, dopo averle rimosse, consentano di rimuovere un lato per accedere all'interno. Nel caso di un laptop, lo capovolgeremo e sviteremo. Sebbene gli interni dei notebook siano sostanzialmente simili, la distribuzione e gli accessi variano da un marchio all'altro e persino tra modelli diversi.

Un buon modo per non perdere le viti e ricordare da dove provengono è quello di segnare un cerchio su un pezzo di carta e posizionare le viti all'interno, scrivendo il loro nome sotto. Quindi, potremmo scrivere "involucro" e lasciare le viti utilizzate per fissare detta parte all'interno.

Una volta che abbiamo avuto accesso all'interno, applichiamo piccoli colpi di aria compressa ai ventilatori interni, influenzando le pale e l'albero. Durante l'applicazione, dobbiamo prestare particolare attenzione nelle aree in cui si trovano componenti come la scheda madre, la RAM o il processore, lanciando i colpi a una certa distanza.

È tempo di pulire la scheda madre e i componenti. Per quanto possibile e al meglio delle nostre conoscenze, per lasciare tutto com'era, provare a rimuovere i cavi e alcuni componenti come la RAM o il disco rigido. Più chiara è l'area, meglio possiamo pulire.

Applicare delicatamente la spazzola in setola, nonché i tamponi o il panno in microfibra, a seconda dello spazio operativo disponibile. Si noti che il liquido di pulizia non deve entrare in contatto con la scheda madre, le schede PC o altri elementi elettronici delicati, poiché l'umidità potrebbe danneggiarli.

Per migliorare il raffreddamento del processore si consiglia di rinnovare la pasta termica (6,48 euro). A tale scopo, rimuoveremo la vecchia pasta con alcool isopropilico e applicheremo una pasta termica con le caratteristiche specifiche raccomandate dal produttore.

Più componenti rimuovi e pulisci, migliore sarà il risultato. Tuttavia, sebbene si attenga a una pulizia superficiale all'interno, il miglioramento è evidente.

Come pulire il monitor

Polvere, schizzi e impronte digitali sporcano gli schermi delle apparecchiature informatiche nel tempo. Tuttavia, è abbastanza facile lasciarli puliti.

Naturalmente, presteremo particolare attenzione al liquido utilizzato nella sua pulizia: nessun detergente per vetri o alcool, poiché possono danneggiare le protezioni antiriflesso dei pannelli.

Secondo Juan Carlos López, il nostro editor di immagini e suoni specializzato, è meglio non essere coinvolti con i kit di pulizia e utilizzare un panno inumidito con liquido per pulire gli schermi (5,60 euro) o farlo da soli come abbiamo spiegato sopra.

Con il liquido detergente pronto, ora possiamo pulire il monitor, indipendentemente dal tipo di pannello o dalle finiture opache o lucide.

Innanzitutto lo scolleghiamo dall'alimentazione. In caso di laptop, disconnetteremo l'apparecchiatura. Inumidiamo un panno in microfibra con il liquido detergente. È importante non applicare il liquido direttamente sullo schermo.

Sfreghiamo delicatamente i cerchi, sia il pannello che la cornice, in modo che i passaggi non siano contrassegnati. L'alcool e il deumidificatore evaporano rapidamente l'acqua, quindi non ci sono tracce.

Pulizia della tastiera

Tra i tasti e sotto di essi troviamo polvere, cibo, liquidi e altre particelle che possono causare il malfunzionamento quando si premono determinati tasti.

Per pulire una tastiera, la prima cosa che faremo è scollegare il cavo - se ne ha uno - che lo collega al computer. Se è un laptop, lo spegneremo e lo disconnetteremo dalla corrente elettrica. Nel caso in cui utilizzi una porta PS / 2, dovremo scollegare la tastiera con l'apparecchiatura spenta.

Successivamente, lo capovolgiamo e lo scuotiamo delicatamente per cercare di rimuovere lo sporco. Per rimuovere i resti situati tra i tasti che non sono usciti dopo averlo capovolto, useremo uno spray ad aria compressa. Un'altra alternativa è usare un aspirapolvere, sì, facendo attenzione alla potenza di aspirazione e allo stato dei tasti.

Una volta rimosso lo sporco incorporato, puliremo la superficie dei tasti dal grasso per le dita e da altre sostanze. Per fare questo, inumidiremo un panno di cotone e gli auricolari con il liquido detergente, strofinando delicatamente le chiavi e le divisioni tra di loro. È importante non versare il liquido detergente direttamente sulla tastiera.

Quando la tastiera è pulita e asciutta, la riconnetteremo al computer.

Pulizia del mouse

Esistono due tipi di topi sul mercato, il tipo ottico e il tipo meccanico. Ognuno è pulito essenzialmente allo stesso modo, anche se i meccanici richiedono un po 'più di dedizione con le parti mobili.

Nel caso di topi ottici, la pulizia interna non è necessaria poiché mancano di parti mobili, sebbene il loro movimento possa deteriorarsi nel tempo a causa della conservazione della polvere nell'emettitore di luce.

I topi meccanici sono particolarmente sensibili a polvere e particelle, accumulandoli all'interno e rendendo difficile il loro movimento.

Per pulire il mouse, la prima cosa che faremo è scollegarlo dal computer, nel caso in cui abbia un cavo. Se ha una porta PS / 2, spegniamo prima il computer. Se si tratta di un mouse wireless, rimuoveremo le batterie.

Successivamente, inumidiremo un panno pulito con il liquido detergente o, in mancanza, alcool isopropilico e puliremo l'esterno. Come per la tastiera, faremo attenzione a non introdurre liquidi all'interno.

Se il nostro mouse è meccanico, rimuovi la palla rimuovendo prima il suo arresto, ruotando in senso orario, in modo da poter pulire sia l'interno che la palla con lo stesso panno o carta asciutta.

Quando è completamente asciutto, riassembleremo le parti e le collegheremo all'apparecchiatura. Nel caso in cui sia un mouse con una porta PS / 2, lo faremo con il computer spento.

Puoi essere aggiornato e sempre informato delle principali offerte e novità di Xataka Selección sul nostro canale Telegram o sui nostri profili di riviste Twitter, Facebook e Flipboard.

Nota: alcuni dei link pubblicati qui provengono da affiliati. Nonostante ciò, nessuno degli articoli citati è stato proposto da marchi o negozi, la loro introduzione è stata una decisione unica del team di redattori.

Condividere none:  Divertimento La Nostra Selezione Scienza 

Articoli Interessanti

add